Di Maio replica a Zingaretti: "Ius Soli? Io sono sconcertato"

Luigi Di Maio debacle umbria

Il leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio non sembra aver preso benissimo le dichiarazioni odierne del segretario del PD Nicola Zingaretti, che in chiusura dell'Assemblea PD a Bologna ha assicurato battaglia per fare approvare in Italia lo ius culturae e ius soli.

Per Di Maio si tratta di un semplice slogan, nulla su cui l'esecutivo di cui fa parte può davvero mettersi al lavoro:

Col maltempo che flagella l’Italia, il futuro di undicimila lavoratori a Taranto in discussione, qui si parla di ius soli: io sono sconcertato. Siamo al governo per governare e non per lanciare slogan o fare campagna elettorale.

Di Maio fa il gioco di Matteo Salvini quando mette due o tre problemi dell'Italia sullo stesso piano, come se occuparsi dell'emergenza maltempo in gran parte del Paese significhi non gestire in parallelo altre problematiche. Non si tratta di una lista di priorità, e Di Maio lo sa benissimo, ma in questo momento in cui il M5S è in costante calo di consensi non si può permettere di abbracciare pubblicamente un obiettivo non condiviso da parte dei suoi elettori.

È quello che ha fatto notare pubblicamente il vicesegretario del PD Andrea Orlando: "A molti esponenti dei 5 Stelle sembrerà impossibile. Ma noi riusciamo a pensare anche due cose nello stessa giornata".

Parlare di Ius Soli, un tema molto delicato per la destra italiana e assolutamente tabù per Matteo Salvini, non significa non occuparsi anche dell'emergenza a Venezia o della situazione dell'Ex Ilva di Taranto. Sostenere il contrario è fare propaganda spicciola, la stessa che ha permesso all'ex alleato di governo Salvini di ottenere così tanti consensi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO