ArcelorMittal, il Ministro Boccia spiega il piano B del governo | Udienza su ricorso d’urgenza il 27 novembre


Il piano B del governo, se ArcelorMittal confermasse la volontà di rescindere il contratto d’affitto d’azienda per l’ex Ilva di Taranto, si chiama amministrazione straordinaria, con un prestito ponte statale.

Così spiega il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia. L’intervento pubblico rimane l’ultima spiaggia, seppur sempre più vicina. L’obiettivo è quello di rendere appetibile l’azienda e riportarla sul mercato nel giro di un paio d’anni.

Ieri il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia aveva invitato il governo a ripristinare subito lo scudo penale per il piano ambientale a favore di Mittal, ma la maggioranza sul punto non riesce ad accordarsi.

Sindacati stasera al Quirinale

Tutto questo mentre stasera i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil verranno ricevuti al Quirinale da Sergio Mattarella per parlare della crisi dell'ex Ilva e più in generale delle altre crisi industriali italiane.

Presidio di protesta a Taranto

Intanto i lavoratori delle aziende dell'indotto ex Ilva e i trasportatori hanno iniziato un presidio di protesta per i crediti non versati da ArcelorMittal, con i tir che si sono piazzati davanti alla portineria dello stabilimento di Taranto. Davanti ai cancelli dell’ex Ilva ci sono stamattina anche il governatore della Puglia Emiliano e il presidente di Confindustria Taranto Antonio Marinaro.

Procura di Milano indaga sul fronte tributi

La Procura di Milano, che già indaga sul recesso di ArcelorMittal, nel frattempo ha aperto un altro fascicolo sui presunti illeciti tributari ed eventuali reati pre-fallimentari, concentrandosi sul mancato pagamento dei creditori dell’indotto. Il fascicolo esplorativo è per ora a carico di ignoti e senza ipotesi di reato, per un filone che si somma a quello sulle sospette appropriazioni indebite di materiale nel magazzino di materie prime e a quello su presunte false comunicazioni societarie e al mercato.

Udienza su ricorso il 27 novembre

Il tribunale di Milano ha fissato per il 27 novembre prossimo l’udienza sul ricorso cautelare presentato d’urgenza dai commissari ex Ilva contro ArcelorMittal invitando il gruppo franco-indiano a "non porre in essere ulteriori iniziative e condotte in ipotesi pregiudizievoli per la piena operatività e funzionalità degli impianti" dello stabilimento siderurgico.

ArcelorMittal Taranto

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO