La procura militare apre un fascicolo sull’ex ministra Trenta

procura militare fascicolo trenta

La Procura militare della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo in merito alla vicenda della casa dell’ex ministra della Difesa, Elisabetta Trenta. La conferma arriva dal procuratore militare Antonio Sabino, che all’ansa fa sapere si tratti di un atto dovuto, senza indagati né ipotesi di reato, in seguito alle notizie circolate tramite stampa e media.

Il fascicolo utilizzato dalla procura militare è dunque a "modello 45", ovvero un atto che non costituisce notizia di reato. Un’indagine con mero carattere conoscitivo, fa sapere ancora il procuratore: "Faremo tutti gli accertamenti del caso per sgomberare ogni dubbio, anche da un punto di vista amministrativo". Secondo un’inchiesta giornalistica pubblicata ieri da Corriere della Sera, la ministra Trenta abiterebbe ancora in un alloggio "di servizio" che le era stato assegnato quando era nel governo Conte 1. La notizia ha inevitabilmente innescato polemiche e perfino il Movimento 5 Stelle, il partito della ex ministra, per voce di Stefano Buffagni l’ha invitata a lasciare l’alloggio.

Il PD preannuncia interrogazione urgente

La Trenta si difende affermando che l’abitazione statale è stata riassegnata al marito, un militare, e nel rispetto delle leggi vigenti. Oltre a Fratelli d’Italia e Forza Italia, sono intervenuti sulla vicenda anche esponenti del Partito Democratico. Andrea Marcucci, capogruppo al Senato del PD, ha chiesto all’ex ministra di chiarire immediatamente ed ha preannunciato un’interrogazione parlamentare urgente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO