Alitalia, il governo si arrende. Conte e Patuanelli: "Non c'è soluzione di mercato"

L'ipotesi di un salvataggio privato sembra ormai definitivamente tramontata.

Governo si arrende su privatizzazione Alitalia

Il governo è costretto ad arrendersi sulla privatizzazione di Alitalia, alla scadenza prevista non è stata formalizzata l'offerta vincolante da parte del consorzio e dunque quella strada non è ormai più percorribile. Il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha detto chiaramente che al momento una soluzione di mercato non c'è e ha aggiunto: "è da dieci anni che si tenta di privatizzare la compagnia, ma ha una dimensione che il mercato ha difficoltà ad accettare".

Il Premier Giuseppe Conte, a margine dell'evento Aci cui ha partecipato stamattina, ha detto:

"Resta la disponibilità di Fs, di Delta, vediamo se si confermerà l'interesse di Lufthansa ma è chiaro che in questo momento non abbiamo una soluzione di mercato a portata di mano"

Ha anche fatto capire che la soluzione di mercato sarebbe stata la preferita dal governo, ma ha aggiunto:

"Stiamo valutando proprio in queste ore, evidentemente, anche alternative"

Il viceministro allo Sviluppo Economico Stefano Buffagni ha spiegato:

"Alitalia è stata messa sul mercato con una gara. Le aziende che hanno partecipato non sono riuscite a fare un'offerta sostenibile. Siamo di fronte a un bivio: o la si fa andare nella direzione che prevede la norma o si trovano strade alternative per valorizzare gli asset. È arrivato il momento di prendere decisioni difficili e ragionare per creare valore, ma anche perché siano appetibili sul mercato. Dobbiamo garantire il servizio, i posti di lavoro, gli asset, ma non possiamo continuare a permettere che sia un buco nero delle casse dello Stato. Non si deve fare carne da macello di un'azienda come invece fanno altre realtà ma non si può neanche continuare a perpetrare un versamento di soldi che diventa un buco nero"

Ricordiamo che la soluzione di mercato di fatto si è arenata già la settimana scorsa, quando Atlantia si è tirata fuori dal consorzio creato appositamente per rilanciare Alitalia. Di conseguenza Ferrovie dello Stato, pivot pubblico di questa operazione, ha dovuto rendere atto e ha rinunciato al ruolo di regista dell'operazione, passando il testimone ai commissari della compagnia e al ministero dello Sviluppo Economico.

Foto © Palazzo Chigi Licenza CC BY-NC-SA 3.0 IT

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO