Open Arms-Salvini, il Tribunale di Palermo ha depositato gli atti al Tribunale dei Ministri

Salvini contro Trenta

Il Procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, ha confermato il lavoro svolto dal collega di Agrigento, Luigi Patronaggio. Spettava al Procuratore Capo di Palermo il compito di prendere una decisione sulla ragionevolezza dell'inchiesta aperta da Patronaggio, che aveva ipotizzato i reati di sequestro di persona e omissione d'atti d'ufficio in concorso per l'ex Ministro Matteo Salvini in riferimento al caso della nave Open Arms, rimasta per 20 giorni al largo di Lampedusa con a bordo 164 migranti soccorsi in zona SAR libica.

La nave sbarcò a Lampedusa il 20 di agosto, proprio durante la crisi del Governo Conte I, per decisione della Procura di Agrigento che ordinò il sequestro della nave e l'immediata evacuazione di tutti i naufraghi a bordo. Questa decisione venne presa dopo che Salvini emise un secondo provvedimento di divieto di ingresso nelle acque territoriali italiane dopo che il primo era stato annullato con un decreto d'urgenza dal Tar del Lazio - chiamato in causa proprio dalla Ong spagnola - che lo giudicò emesso "in violazione delle norme del diritto internazionale del mare in materia di soccorso".

La novità di oggi è che Lo Voi ha condiviso le ipotesi di reato formulate da Patronaggio, lo stesso procuratore che avviò anche l'indagine sul Caso Diciotti, decidendo quindi di depositare al tribunale dei ministri la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex ministro.

Adesso verrà fatta un'ulteriore valutazione nel merito dal Tribunale dei ministri, che ha a sua disposizione 90 giorni di tempo per: convocare il Pm incaricato delle indagini, effettuare le sue indagini preliminari e quindi decidere se archiviare tutto o se invece inviare la richiesta di autorizzazione a procedere al Senato, che dovrà a sua volta votare per decidere se concederla o meno.

Salvini ha così commentato: “Ma in alcuni tribunali non hanno problemi più importanti di cui occuparsi? Quando tornerò al governo rifarò quello che ho fatto”.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO