Mes, compromesso PD-M5S: si decide dopo il voto del Parlamento. Gualtieri tratta con l'UE

Nella tarda serata di ieri lungo vertice di maggioranza di oltre tre ore.

Giuseppe Conte e Roberto Gualtieri

Il vertice di maggioranza andato in scena ieri sera a Palazzo Chigi e avente come principale argomento di discussione il Mes, il Meccanismo Europeo di Stabilità, è durato più di tre ore e si è concluso con un compromesso tra PD e MoVimento 5 Stelle, una sorta di rinvio della decisione definitiva a dopo l'11 dicembre, ossia dopo che il Parlamento si sarà pronunciato sulle risoluzioni che saranno approvate quel giorno in relazione alle comunicazioni che il Premier Giuseppe Conte farà prima del Consiglio Europeo.

Questa decisione è in linea con la risoluzione che il Parlamento ha approvato lo scorso 12 giugno e che prevede che il governo debba sospendere la determinazione definitiva finché il Parlamento non si sarà pronunciato. Soddisfatti i 5 Stelle e il loro leader Luigi Di Maio, il ministro degli Esteri che dopo il vertice ha detto:

"Come abbiamo detto nulla si deciderà finché non si arriverà in Parlamento quando il presidente del Consiglio verrà a riferire e si dovrà approvare una risoluzione. Per noi non esiste solo il Mes, ma la riforma va valutata nell'ambito di un pacchetto di riforme nelle quali c'è tanto da cambiare"

Di Maio ha anche sottolineato che non è vero che ci sono stati scontri nella maggioranza, ma un "confronto civile e costruttivo" e ha spiegato:

"È chiaro che abbiamo opinioni diverse, il M5S da sempre è preoccupato del Mes e di una serie di riforme che riguardavano le banche. Dal mio punto di vista non è una cosa strana che due forze di governo abbiano opinioni diverse altrimenti stavamo insieme prima delle elezioni"

Di Maio ha anche annunciato una risoluzione del M5S per chiedere che tutto il pacchetto di riforme UE venga migliorato. Ora, in visa della riunione dell'Eurogruppo del 4 dicembre, il governo affronterà il negoziato relativo all'Unione Economica e Monetaria seguendo una logica di pacchetto e sarà il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri a trattare.

Il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, capo della delegazione del PD al governo, ha commentato:

"Bene l'incontro di stasera sul Mes, nessuna richiesta di rinvio all'Ue ma un mandato che rafforza il ministro Gualtieri a trattare al meglio l'accordo sul tavolo europeo già dal 4 dicembre. Ovviamente sarà poi il Parlamento a pronunciarsi definitivamente sulle decisioni assunte"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO