I commissari UE cantano "Bella ciao", Giorgia Meloni indignata: "Unione Sovietica europea"

La leader di Fratelli d'Italia continua a ignorare la storia...

Giorgia Meloni oggi ha diffuso attraverso i social network il video che vedete qui sopra in cui alcuni commissari dell'Unione Europea, tra cui Paolo Gentiloni, intonano "Bella ciao", il canto popolare italiano diventato l'inno del movimento partigiano e considerato in gran parte d'Europa ancora oggi come un canto di ribellione contro il nazi-fascismo.

La leader di Fratelli d'Italia ha condiviso il video mettendoci una mascherina con su scritto "Unione Sovietica Europea - I commissari cantano Bella Ciao" e ha commentato:

"Commissari europei intonano 'Bella Ciao'. Solo io reputo scandaloso questo ridicolo teatrino da parte delle più alte istituzioni europee? Non hanno nulla di più importante di cui occuparsi?"

Il video viene pubblicato in modo decontestualizzato, non specificando che si tratta di un evento che riguarda i soli commissari dell'Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici (S&D).

Gli utenti che hanno risposto a Giorgia Meloni hanno provato a spiegarle che "Bella ciao" è considerato un canto universale per la libertà e contro i fascismi e qualcuno le ha anche detto che "chi si sente offeso è favorevole al nazi-fascismo". C'è anche chi le ha fatto notare che senza la lotta partigiana lei, in quanto donna, non avrebbe potuto votare né tantomeno farsi votare.

In questi giorni "Bella ciao" si sente spesso nelle piazze italiane perché intonata durante le manifestazioni delle cosiddette Sardine, il movimento nato su iniziativa di quattro giovani a Bologna e poi diffusosi in tutta Italia.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO