Crisi industriale, gli operai scendono in piazza a Roma il 10 dicembre

Migliaia di persone sono attese a Roma per riportare il lavoro al centro dell'attenzione politica. Quella che sarebbe dovuta essere la protesta degli operai dell'ex Ilva di Taranto si è trasformata in poche ore in un evento nazionale che vedrà nella capitale tutte le vittime della crisi industriale in Italia.

A scendere in piazza Santi Apostoli a Roma il 10 dicembre saranno infatti i lavoratori dell'ex Ilva, ma anche quelli della Whirlpool, dell'Ast di Terni e dell'Ex Alcoa, ma anche di Wanbao, Jabil, Embraco, Bosch, Cnh Industrial, Blutec, Industria Italiana Autobus, Bekaert, Honeywell e Piaggio Aerospace, tutte realtà in crisi i cui dipendenti sono in cerca di sicurezze per il futuro.

Francesca Re David, leader della Fiom, ha spiegato:

Le crisi stanno colpendo tutti i settori, dall'elettrodomestico alla siderurgia e all'automotive, dall'elettronica all'informatica fino alle istallazioni. Sono necessari investimenti, pubblici e privati, per mettere in moto gli ammortizzatori sociali vecchi e nuovi, per poter affrontare la fase di transizione industriale verso nuovi modelli di sviluppo ecosostenibili, per fermare la chiusura di stabilimenti e per essere protagonisti del cambiamento, salvaguardando l'occupazione e migliorando delle condizioni di lavoro attraverso l'innovazione.

Le ha fatto eco Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl:

Saremo in piazza per chiedere una seria politica industriale, investimenti, per aprire i cantieri, sostenere il Mezzogiorno.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO