UE, la Commissione presenta il Green Deal: "Emissioni zero entro il 2050"

Ursula von der Leyen

La Commissione Europea guidata da Ursula von der Leyen ha presentato oggi la tabella di marcia di quell'ambizioso progetto europeo per l'ambiente che punta ad arrivare al 2050 senza emissioni nette, il Green Deal europeo.

Un progetto senza precedenti che la stessa Von der Leyen ha definito "il nostro uomo sulla Luna", un primato destinato a fare la storia, se ovviamente di successo. L'obiettivo è quello di "mostrare al resto del Mondo la nostra capacità di essere sostenibili e competitivi e convincere altri Paesi a muoversi con noi".

Il Green Deal europeo è la nostra nuova strategia per la crescita – una crescita che restituisce più di quanto prende. Mostra come trasformare il nostro modo di vivere e lavorare, di produrre e consumare, per rendere più sano il nostro stile di vita e più innovative le nostre imprese. Tutti noi possiamo partecipare alla transizione e beneficiare delle opportunità che offre. Muovendoci per primi e rapidamente aiuteremo la nostra economia ad assumere la leadership a livello mondiale. Siamo determinati a fare sì che questa strategia abbia successo per il bene del pianeta e delle sue forme di vita – per il patrimonio naturale europeo, la biodiversità, le nostre foreste e i nostri mari. Mostrando al resto del mondo la nostra capacità di essere sostenibili e competitivi, possiamo convincere altri paesi a muoversi con noi.

La prima tappa di questo lungo percorso sarà una legge europea per il clima che dovrà essere presentata dalla Commissione Europea entro il mese di marzo, neanche 100 giorni dopo l'insediamento, ma già all'inizio dell'anno verrà stilato un piano di investimenti per un'Europa più sostenibile stimato intorno ai 260 miliardi di euro all'anno fino al 2030.

Fondamentale per l'avvio di questo ambizioso percorso sarà un meccanismo di transizione che servirà a far fronte alle difficoltà a cui andranno incontro le regioni maggiormente colpite dalla trasformazione, dal settore dei trasporti che rappresenta il 25% delle emissioni in Europa alla ristrutturazione degli edifici passando per la decarbonizzazone del settore energetico che attualmente rappresenta oltre il 75% delle emissioni di gas a effetto serra dell’UE.

Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione europea, ha spiegato: "Proponiamo una transizione verde e inclusiva che contribuirà a migliorare il benessere delle persone e a trasmettere un pianeta sano alle generazioni future”.

Il documento diffuso oggi, pensato anche per i cittadini, elenca in modo esaustivo quali saranno i vantaggi per tutte le persone che vivono e lavorano nei Paesi della Comunità Europea, ma a cascata anche tutti i cittadini del Mondo:


  • Aria, acqua e suolo più puliti

  • Bolletta energetica meno cara

  • Abitazioni, scuole e ospedali ristrutturati

  • Imballaggi riutilizzabili o riciclabili (e quindi meno rifiuti)

  • Migliori alternative di trasporto pubblico

  • Cibo più sano

  • Più punti di ricarica per le automobili elettriche

  • Meno pesticidi e fertilizzanti

  • Salute migliore per le generazioni attuali e future

  • Prodotti più rispettosi dell’ambiente nei negozi

  • Proprio per questo la Commissione Europea lancerà nel marzo 2020 un "patto per il clima per dare ai cittadini voce in capitolo e un ruolo nella formulazione di nuove azioni, nella condivisione delle informazioni e nell'illustrazione di soluzioni di base che gli altri possano seguire".

    © Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

    • shares
    • Mail

    I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO