Mes, l'Europa dice sì alla modifica chiesta dal premier Conte

mario centeno non rinvio mes

AGGIORNAMENTO ore 15.00 - L’Eurosummit ha detto ok all’Italia sulle modifiche al pacchetto Mes (Meccanismo europeo di stabilità). La proposta presentata dal premier Giuseppe Conte è stata accettata. Il negoziato sul Mes proseguirà oltre il mese di gennaio ma dovrà comunque concludersi al massimo entro la prima parte del 2020.

Il punto 2 sulla riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità è stato cambiato nella parte in cui incaricava i ministri dei singoli paesi a "finalizzare il lavoro tecnico sul pacchetto di riforme del Mes".

"Incoraggiamo l'Eurogruppo a proseguire il lavoro sul pacchetto di riforme del Mes" si legge ora nelle Conclusioni del negoziato sul Meccanismo europeo di Stabilità.

L'Eurosummit, consesso dei capi di Stato e di governo Ue, ha dato mandato all'Eurogruppo, cioè ai ministri delle Finanze dell’area euro, di proseguire il lavoro "in attesa delle procedure nazionali e di continuare a lavorare su tutti gli elementi dell'ulteriore rafforzamento dell'Unione bancaria, su base consensuale".

Per il premier italiano è sicuramente una vittoria, che allontana le tensioni nella maggioranza.

Mes, Centeno: "Si chiude ad inizio 2020". Conte risponde: "Aspettiamo a dare date"

Mentre in Italia la discussione è considerata ancora apertissima, in Europa la ratifica della riforma del Mes viene vista come prossima alla chiusura. Per il Presidente dell'Eurogruppo, il portoghese Mario Centeno, "ora sono in sospeso questioni giuridiche minori, ma il dibattito continua a livello nazionale; dobbiamo aspettare che si concludano le procedure nazionali e contiamo di chiudere il file il prima possibile, all'inizio dell'anno prossimo".

A Centeno è stato poi chiesto perché i Paesi del sud Europa, come Italia e Portogallo, dovrebbero ratificare questa riforma. Questa è stata la risposta del Presidente dell'Eurogruppo: "tutti i dossier sono stati affrontati con un obiettivo, quello di fare progressi nell'integrazione europea, di preservare la stabilità finanziaria e di permettere a tutte le economie di crescere più velocemente, che in fin dei conti è ciò che vogliamo per tutti i nostri cittadini. La riforma del Mes, a questo riguardo non è diversa: ha un approccio abbastanza equilibrato per rendere tutti i nostri debiti più sicuri e rafforzare il ruolo dell'Esm come una barriera contro il contagio nelle crisi, che alcuni anni fa non eravamo pronti ad affrontare alcuni anni fa. Penso che sia piuttosto importante per tutti i Paesi"

Luigi Di Maio e Giuseppe Conte mess

Oggi a Bruxelles c'era anche il Premier italiano, Giuseppe Conte, che si è detto pronto a disattendere le aspettative di Centeno e dell'Eurogruppo: "Rispetto le aspettative, ma poi a condividere i risultati, a sottoscriverli è ciascuno Stato, nell'ambito delle sue prerogative. Nel caso del governo italiano, l'ho sempre dichiarato, sarà ampiamente coinvolto il Parlamento. Quindi, aspettiamo a dare una data".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO