Bossi: "Bisogna aiutare il Sud, altrimenti straripano come l'Africa"


"Oggi non si chiude nessun partito, non c’è nessun funerale... il funerale è per quegli altri" con tanto di dito medio alzato per rafforzare il concetto. Parole e musica del fondatore della Lega Nord Umberto Bossi, accolto oggi dalla standing ovation dei presenti al congresso del Carroccio a Milano.

Il Senatur ha preso le distanze dalla nuova Lega di Matteo Salvini a trazione sovranista-nazionalista, una specie di partito della nazione, ben altra cosa dalla Lega Nord, dalla Lega delle origini.

"Mi sembra giusto aiutare il Sud altrimenti straripano come l’Africa" ha detto tra l’altro Bossi, a rimarcare la differenza con il nuovo corso del segretario Salvini. Che però ha preso un partito ai minimi storici e sotto inchiesta per la truffa da 49 milioni sui rimborsi elettorali e lo ha portato ad essere, cosa impensabile solo un lustro fa, il primo partito d’Italia, che solo alla sua destra (FdI) sembra cedere qualcosa.

Bossi è poi tornato su uno dei vecchi cavalli di battaglia della Lega, riferendosi sempre a una sola parte dell’Italia: "La nostra gente del Nord deve vivere tranquillamente e pagare meno residuo fiscale di 100 miliardi di euro". Non è mancata la stoccata diretta all’ex ministro dell’Interno: "Se vuole il simbolo del partito deve raccogliere le firme, non può imporci niente".

bossi aiuti al sud o straripano come l’africa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO