Viminale: in calo omicidi, rapine, furti e violenza sessuale, ma è emergenza strade

Fanno eccezione i maltrattamenti in famiglia, ma questo potrebbe dipendere dalla presa di coscienza delle donne, che ora denunciano di più.

Viminale bilancio 2019

Dai dati che il Viminale diffonderà ufficialmente a Capodanno, emerge che in Italia nel 2019 si è registrata una diminuzione di tutti i delitti, ossia omicidi, rapine, furti, violenza sessuale. Sono aumentati, invece, i casi di maltrattamenti in famiglia, ma, in realtà, potrebbe trattarsi di una sorta di "falso positivo" e nascondere un dato più confortante: le donne, finalmente, stanno prendendo coscienza e dunque denunciano di più i casi di violenza tra le mura domestiche. Quindi non è un vero e proprio aumento dei maltrattamenti, ma delle denunce di maltrattamento e va inteso come un buon segnale.

Le diminuzioni sono state, nel totale, da 1.978.731 di delitti registrati al 31 ottobre a 1.847.598 alla stessa data del 2019, ossia il 6,6% in meno. In particolare c'è stato un -17,6% per le rapine e -11,8% per i furti. Per quanto riguarda i maltrattamenti in famiglia, invece, si è passati da 18.329 al 30 novembre 2018 a 21.146 alla stessa data del 2019.

La vera emergenza riguarda le strade: le multe per eccesso di velocità sono aumentate del 35%. La polizia stradale infatti spiega di aver impiegato "1.250 operatori nelle sale operative, 3.100 operatori di pattuglia (auto) , ha controllato 94 tratte con portali Sivc/Tutor per il controllo della velocità media su 910 km di autostrade, 320 telelaser e 110 autovelox per il controllo della velocità, 1.100 etilometri . Le infrazioni al codice della strada sono aumentate del 4,5%, per eccesso di velocità segna un +35%".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO