Libia: Turchia invia 300 ribelli siriani a Tripoli per combattere contro Haftar

Generale Haftar e Premier al-Sarraj

La Turchia ha inviato miliziani in Libia per contrastare l’offensiva del generale Khalifa Haftar, l'uomo forte della Cirenaica (già collaboratore della CIA) che dagli USA è tornato nel suo Paese d'origine nel 2014 con l’obiettivo di salire al potere. Per farlo, Haftar deve rovesciare il governo di accordo nazionale di Tripoli, guidato da Fayez al-Sarraj.

Sono circa 300 i ribelli siriani che Ankara ha cooptato e inviato nella capitale libica per farli combattere con l'esercito del legittimo governo, riconosciuto dalla comunità internazionale. La notizia, riportata da diversi media, ha come fonte l'Osservatorio siriano per i diritti umani.

Il presidente turco Erdogan sarebbe pronto a inviare a Tripoli un altro migliaio di miliziani che ora si troverebbero in campi di addestramento turchi proprio per prepararsi a partire per la Libia.

A gennaio invece il parlamento di Ankara potrebbe decidere l’impiego diretto in Libia di forze militari turche, il secondo esercito più grande della NATO. Ma la prospettiva è stata già bollata da Mosca come un’eventuale ingerenza che non aiuterebbe a risolvere la crisi libica.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO