Il governo ammonisce Autostrade e chiede di accelerare i controlli

Nascerà anche un osservatorio permanente.

Paola De Micheli

Subito dopo la caduta di materiale nella galleria Berté sulla A26 avvenuto ieri, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha convocato, presso la propria sede, un incontro urgente con il management di Autostrade per l'Italia. Il meeting è avvenuto questa mattina, erano presenti la ministra Paola De Micheli in conferenza telefonica, il capo di gabinetto del Mit, il direttore generale per la Vigilanza sulle concessionarie autostradali del Mit, e l'ad di Aspi.

Il ministero ha sollecitato Aspi affinché i tempi della manutenzione di autostrade e gallerie siano accelerati. Inoltre è stato deciso di istituire un osservatorio del Ministero e della stessa Aspi sui controlli realizzati dalla società concessionaria, che attualmente è Spea, ma che cesserà il proprio mandato già da domani. Si farà una gara per trovare la nuova società di controllo.

Intanto, per quanto riguarda la caduta di detriti avvenuta ieri in galleria Berté, Aspi ha detto alla ministra che proprio quella galleria recentemente aveva superato con esito positivo e senza criticità le verifiche condotte da Spea. Ora sono in corso analisi di approfondimento per appurare eventuali responsabilità e cause che hanno portato al distacco di parte del soffitto.

La ministra De Micheli ha chiesto di ridurre da tre a due mesi i tempi di verifica di autostrade e gallerie e di aumentare il numero di squadre e di personale impegnato in tali verifiche, per velocizzare i controlli. Inoltre, l'Osservatorio tecnico che andrà a esaminare disfunzioni e criticità si riunirà ogni dieci giorni presso la sede del ministero, vigilando anche sul rispetto del cronoprogramma che è stato presentato dal concessionario.

Sono subito arrivate le reazioni da parte del governatore della Liguria Giovanni Toti e del MoVimento 5 Stelle. Toti ha detto:

"Ora basta scherzare. Abbiamo perso un anno e mezzo di tempo senza interventi necessari e il crollo della galleria sulla A26 lo dimostra. Autostrade metta in sicurezza la rete e il Governo, coinvolgendoci, crei un sistema di controllo quotidiano e capillare. Se non sono in grado di farlo, passino le concessioni a Regione Liguria e ce la sbrigheremo da soli"

Il M5S insiste sulla revoca delle concessioni ad Aspi:

"L'unica strada, come il MoVimento 5 Stelle ripete ormai da mesi, è la revoca immediata delle concessioni ad Aspi e l'avvio immediato di un piano di manutenzione straordinario sulle reti autostradali non possiamo perdere altro tempo. È per questo che nel decreto Milleproroghe abbiamo previsto una norma che prevede la possibilità della revoca della concessione per i privati inadempienti: ci auguriamo che anche le altre forze politiche siano responsabili e decidano di lavorare a favore dei cittadini"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO