Iraq, attacco all’ambasciata USA: Trump minaccia Teheran e invia 750 soldati


Dopo l’attacco di ieri all’ambasciata americana a Baghdad, il presidente USA Donald Trump minaccia Teheran e dispiega "immediatamente" 750 soldati statunitensi in Medio Oriente, riservandosi di inviarne nei prossimi giorni altri 3.000, già allertati.

L’assalto alla rappresentanza diplomatica USA nella capitale irachena, nel pieno delle proteste della popolazione che chiede elezioni anticipate, è stato compiuto da decine di miliziani che sarebbero stati appoggiati dall’Iran secondo Washington.

"L'Iran sarà ritenuto responsabile delle vite perse o dei danni alle nostre strutture e pagherà un caro prezzo!" ha twittato Trump che però "non si aspetta una guerra con l’Iran".

Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha definito come opera di terroristi l'attacco all'ambasciata americana. Intanto i marines di stanza in Kuwait sono stati subito inviati a Baghdad per rinforzare la protezione dell’ambasciata.

Donald J. Trump

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO