Il Movimento 5 Stelle perde altri due deputati: Angiola e Rospi nel Misto

movimento 5 stelle angiola rospi via

Dopo l’espulsione del senatore Gianluigi Paragone, il Movimento 5 Stelle perde altri due pezzi. I deputati Nunzio Angiola e Gianluca Rospi lasciano il gruppo dei pentastellati per aderire al Misto. Angiola, professore universitario che non aveva votato la legge di bilancio, dichiara di essere giunto alla decisione con “grande rammarico”. Diretto l’attacco ai vertici del partito, esattamente come il collega Rospi, che lamenta una “gestione verticistica e oligarchica”.

Dalle dimissioni del ministro Fioramonti, c’è stata una vera e propria escalation di fughe dal M5S, ma Angiola sottolinea che la sua decisione “non è da porsi in connessione con quella di altri colleghi parlamentari”, il “dissenso - aggiunge - non deriva da un mio personale cambiamento di opinioni, ma dalla presa d’atto che, chi più chi meno, i vertici del Movimento hanno preferito trincerarsi in una chiusura pregiudiziale nelle proprie granitiche convinzioni”. Nel suo messaggio di addio, il professore tarantino sottolinea di aver “più volte denunciato scarsa collegialità e scarsa attenzione ai singoli parlamentari, sia come persone sia come professionisti, con tutte le conseguenze che ciò può comportare in termini di “visibilità” dei territori nelle scelte legislative e di governo”. Uscendo dal gruppo del M5S, Angiola non sarà più tenuto a rendicontare le spese e potrà sostanzialmente tenersi tutto quando gli viene elargito in quanto parlamentare, ma promette massimo impegno per il territorio che rappresenta: “Vorrei rassicurare i cittadini e i sindaci del mio Collegio elettorale. Il mio impegno per il Paese, il territorio murgiano e per l’università non si ferma qui, e non si fermerà mai”.

Rospi: "Ho riflettuto tanto"

Dello stesso tenore le denunce di Rospi: “Ho consegnato al presidente della Camera, Roberto Fico, la mia decisione di lasciare il gruppo parlamentare M5S e di approdare al Gruppo Misto - sottolinea - Ho riflettuto tanto e, per svariate ragioni, in primis il non condividere la Manovra di Bilancio approvata di recente e la mancanza di collegialità nelle decisioni all’interno del gruppo, ho maturato l’idea di lasciare”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO