Soleimani, Teheran: "Soldati USA lascino basi se vogliono restare vivi" | Trump: "Attaccheremo più forte"


Tensione alle stelle tra Usa e Iran dopo l’uccisione per ordine di Donald Trump del generale iraniano Quassem Soleimani, numero due di Teheran, venerato dagli sciiti come un eroe, ora martire. Ieri alcuni missili sono stati lanciati su basi che ospitano soldati americani a Baghdad mentre l’Iran faceva sapere di aver messo nel mirino "35 obiettivi" Usa per eliminare la presenza americana dalla regione.

Nelle ultime ore minacce e botta e risposta proseguono. Il vice capo dei Pasdaran, generale Mohammad Reza Naghdi, avverte: "Se le forze americane vogliono rimanere in vita, dovrebbero evacuare le loro basi militari nella regione e andarsene" perché "la rappresaglia da parte dell'Iran e dei comandanti della resistenza" è "certa, incontrollabile e dolorosa”.

Gli Usa secondo Teheran non avranno il "coraggio" di colpire 52 siti importanti per la cultura iraniana: "Dicono queste cose per distogliere l'attenzione dal loro atto odioso e ingiustificabile", cioè l’omicidio Soleimani, dice il comandante dell’esercito, generale Abdolrahim Moussavi.

Gli fa eco il ministro degli Esteri Javad Zarif: "Dopo le gravi violazioni della legge internazionale con i vigliacchi omicidi di venerdì scorso Trump minaccia di commettere nuove violazioni della jus cogens (norma del diritto internazionale che tutela i valori fondamentali per un Paese, Ndr). Non importa se dia calci o urli, la fine della presenza maligna degli Usa in Medio Oriente è iniziata".

Il presidente americano replica: "Ci hanno attaccato e noi abbiamo contrattaccato. Se attaccano di nuovo li colpiremo più forte". Trump avvisa: "Gli Stati Uniti hanno appena speso due trilioni di dollari in equipaggiamenti militari. Siamo i più grandi e di gran lunga i migliori al mondo! Se l'Iran attacca una base americana, o qualsiasi americano, invieremo alcune di quelle nuove meravigliose attrezzature, e senza esitazione!".

Ieri il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha chiesto all’Europa "di far sentire la sua voce per fermare l’escalation". Intanto è stato innalzato il livello di sicurezza per tutti i contingenti di militari italiani impegnati all’estero.

iran minaccia dopo omicidio soleimani.jpg

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO