Elezioni in Calabria 2020, Tajani: "Regione al collasso, con noi e con l'UE risorgerà"

Il numero 2 di Forza Italia si pone come tramite tra la regione e l'Europa per sfruttare meglio i fondi UE.

Antonio Tajani su mussolini ì

Forse la Calabria è l'unica regione in cui Forza Italia può avere un ruolo più importante rispetto a quello avuto nelle altre recenti elezioni, visto che la candidata presidente è sua, Jole Santelli, e visto anche che, nel profondo Sud, Salvini potrebbe avere una presa minore. Alle elezioni europee 2019 gli azzurri hanno ottenuto il 13,32%, più di Fratelli d'Italia (10,26%) che ora, invece, nei sondaggi li surclassa, ma comunque meno della Lega di Salvini, che in quel periodo era al governo e che ottenne il 22,61%, mentre primo partito si confermò il M5S con il 26,69%, e il PD terzo con il 18,25%.

Antonio Tajani, numero 2 di Forza Italia, crede che il suo partito possa far risorgere la Calabria, ma forse, anche se non lo dice, pensa anche che la Calabria possa far risorgere Forza Italia, che è in una crisi sempre più nera, con dissidi interni quotidiani e con gli alleati che la mettono costantemente in ombra. Ma proprio perché la candidata è di Forza Italia, in caso di sconfitta non si fatica a immaginare che Matteo Salvini possa addossare la colpa proprio ai seguaci di Silvio Berlusconi e dunque in questa regione il centrodestra si gioca molto, moltissimo, soprattutto se, lo stesso giorno, le urne dovessero confermare quanto dicono i sondaggi in Emilia-Romagna, ossia una riconferma di Stefano Bonaccini del centrosinistra.

Intanto Tajani, in una intervista al Giornale, ha spiegato come vede ora la Calabria e poi che cosa ha invece in mente lui per farla rinascere:

"Una regione al collasso che ha bisogno di risorgere. Ho trovato soprattutto tanta gente che chiede un cambiamento sostanziale. Cosa c'è che non va? Si può partire con la disoccupazione giovanile al 53%. Ma ovviamente c'è anche il peso di una burocrazia asfissiante, di una totale assenza di ammodernamento nelle infrastrutture"

Sul reddito di cittadinanza Tajani ha detto:

"L'assistenzialismo ha senso per le categorie deboli non certo per i giovani che chiedono lavoro non il reddito di cittadinanza"

E quando gli viene fatto notare che l'immagine di un Sud che vive di assistenzialismo è dura da cancellare, Tajani invece dice:

"Non dobbiamo dimenticare che il Sud ha dato e continua a dare la maggioranza delle donne e degli uomini delle Forze dell'ordine e delle Forze armate. Per non dire poi di quanto la Fiat si è arricchita grazie agli operai che dal Mezzogiorno salivano negli anni Sessante a lavorare al Nord. Quello che manca al Sud è proprio un progetto ampio che rimetta l'economia al centro dello sviluppo e la meritocrazia come pietra angolare. Basta primari nominati dal PD! In ospedale vogliamo soltanto i medici migliori"

Sul ruolo di Forza Italia in Calabria, Tajani ha spiegato:

"Soprattutto in Calabria c'è la possibilità di un risultato straordinario per un partito, il nostro, che ha forti legami con il Partito Popolare Europeo e che può garantire proprio con la Ue relazioni improntate su affidabilità e serietà"

E su questo ruolo di Forza Italia come collante e garante di serietà in Ue, promosso anche da Silvio Berlusconi, Tajani ha detto:

"Dobbiamo fare in modo che i fondi europei non tornino indietro perché inutilizzati. Si potrebbero, ad esempio, far confluire in un fondo unico, magari insieme con i soldi di fondi di investimento, da cui attingere per start-up, nuove imprese. Insomma per rilanciare l'economia. Riusciremo anche ad attirare investimenti stranieri"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO