Elezioni Regionali in Emilia Romagna e Calabria: i dati dell'affluenza

AGGIORNAMENTO ORE 23.50 - I dati dell'affluenza definitivi sono arrivati. In Emilia-Romagna si è recato a votare il 67,54% degli aventi diritto, mentre in Calabria il 44,32%.



AGGIORNAMENTO ORE 19.50 - I dati dell'affluenza alle ore 19.00 sono stati diffusi ufficialmente e confermano quanto già emerso alle 12. In Emilia-Romagna le elezioni regionali sono ben più sentite che in Calabria, e non è un caso se i due principali schieramenti hanno dedicato più tempo all'Emilia-Romagna in campagna elettorale rispetto alla Calabria.

Alle 19.00 si sono recati ai seggi il 58,82% degli aventi diritto in Emilia-Romagna, quasi il doppio rispetto alle elezioni del 2014 (30,89%). In Calabria, invece, nessuna sorpresa: alle 19.00 ha votato il 35,52% degli aventi diritto, meno di un punto percentuale rispetto al 2014 (38,80%).

AGGIORNAMENTO ORE 12:25 - Sono stati resi noti i dati dell’affluenza alle ore 12: in Emilia Romagna hanno votato il 23,67% degli aventi diritto (nel 2014 alla stessa ora era stata del 10,77%), in Calabria 10% (in aumento rispetto all'8,85%% della precedente consultazione regionale).

Elezioni Regionali Emilia Romagna e Calabria, 26 gennaio 2020

Seggi aperti dalle ore 7 alle 23 in Emilia Romagna e Calabria per il rinnovo delle Giunte e delle Assemblee legislative regionali. In totale sono 5,5 milioni gli elettori chiamati ad esprimere il proprio voto, con le operazioni di scrutinio che prenderanno il via immediatamente dopo la conclusione di quelle di voto e l’accertamento del numero di votanti. Sebbene si tratti solo di due regioni, il voto avrà inevitabilmente ripercussioni sulla politica nazionale, per via del momento molto delicato che sta vivendo una parte della maggioranza di governo. Nei giorni scorsi, Luigi Di Maio ha lasciato il ruolo di capo politico del Movimento 5 Stelle, partito che negli ultimi tempi ha perso anche molti deputati senatori, trasferitisi in altri gruppi. In caso di trionfo del centrodestra, i leader Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi metteranno una grande pressione sul governo e sul Capo dello Stato per andare ad elezioni anticipate.

Elezioni Regionali Emilia Romagna


Sono 3.515.539 gli elettori chiamati alle urne in Emilia Romagna, di cui 1.707.781 uomini e 1.807.758 donne. Si potrà votare in 4.520 seggi disseminati in 328 comuni. I candidati alla presidenza della Regione sono 7, sostenuti da 17 liste:
- Stefano Bonaccini (Pd e altre liste, governatore uscente)
- Lucia Borgonzoni (Lega, FI e altre liste)
- Marta Collot (Potere al Popolo)
- Simone Benini (M5S)
- Laura Bergamini (Partito Comunista)
- Stefano Lugli (L'Altra Emilia-Romagna)
- Domenico Battaglia (Movimento 3 V)

Elezioni Regionali Calabria


In Calabria sono invece 1,8 milioni gli elettori chiamati a rinnovare gli organi della Regione. Per la seconda volta, i calabresi voteranno con la legge elettorale approvata in Consiglio regionale l’11 settembre del 2014, ovvero un proporzionale con premio di maggioranza. Saranno ammesse le liste che avranno superato lo sbarramento del 4% e le coalizioni che avranno superato l’8%. Il candidato governatore vincente, la lista o le liste che lo appoggiano, avranno un premio di maggioranza al 55%, in modo che siano garantiti almeno 16 seggi su 30.
Sono 4 i candidati alla presidenza della Regione Calabria e tra di loro non è presente il governatore uscente, Mario Oliverio (PD), travolto d alcune vicende giudiziarie. Ecco i quattro candidati alla sua successione:
- Jole Santelli (Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, Unione di Centro, Jole Santelli Presidente e Casa delle Libertà)
- Filippo Callipo (Partito Democratico, Io Resto in Calabria, Democratici e Progressisti);
- Francesco Aiello (Movimento 5 Stelle, Calabria Civica)
- Carlo Tansi (Tesoro Calabria Calabria Libera e Calabria Pulita).

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO