Migranti, Salvini: "Denuncio Conte e Lamorgese per sequestro di persona"

Il leader della Lega Matteo Salvini, uscito sconfitto in Emilia-Romagna, è più agguerrito che mai e sempre più intenzionato a screditare l'operato del governo Conte anche a costo di distorcere, come spesso ha fatto in passato, la realtà dei fatti.

L'ultimo attacco è legato agli ultimi salvataggi delle nave delle ONG nel Mar Mediterraneo. Nelle stesse ore in cui il Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese ha assegnato il porto di Taranto alla Alan Kurdi, che si sta dirigendo verso l'Italia con a bordo 403 migranti, Salvini ha tenuto l'ennesima diretta Facebook in cui ha annunciato l'intenzione di denunciare Giuseppe Conte e Lamorgese per sequestro di persona:

Denuncio per sequestro di persona il presidente del Consiglio e il ministro dell'Interno per aver tenuto a bordo 400 persone per 4 giorni. Se sono criminale io, lo sono anche loro, se ho fatto il mio dovere io, lo hanno fatto anche loro. Con una piccola differenza: gli sbarchi sono quintuplicati.

Salvini, abilissimo a piegare la realtà per un proprio tornaconto, anche in questo caso mente sapendo di mentire: nessuno ha tenuto 400 migranti a bordo di una nave per quattro giorni. È la stessa cronologia ufficiale della Alan Kurdi a smentire l'ex Ministro dell'Interno. Dopo lo sbarco a Pozzallo del 22 gennaio, la nave è tornata al largo della Libia e il 24 gennaio ha tratto in salvo 92 persone e il giorno successivo, il 25 gennaio, ha condotto un altro salvataggio portato a 222 il totale delle persone a bordo.

Poi, nella notte tra il 26 e il 27 gennaio l'ultimo salvataggio al largo della Libia. Oggi, a poco più di 24 ore da quell'ultimo salvataggio, mentre la nave si trova ancora al largo della Libia, è arrivata l'assegnazione del porto di Taranto. Dati alla mano, quindi, nessuno ha tenuto bloccato 400 persone a bordo di una nave per quattro giorni.

🔴 #ULTIMAORA
Terminato all'alba secondo soccorso di una barca in pericolo con 102 persone in acque internazionali.
A...

Posted by Open Arms Italia on Monday, January 27, 2020

La nave Open Arms, invece, ha condotto l'ultimo salvataggio di 56 persone nella serata di ieri e da questa mattina è in attesa di un porto in cui far sbarcare tutti i 158 naufraghi a bordo. Anche in questo caso, quindi, i dati forniti da Matteo Salvini non coincidono con la realtà.

Fino a poche ore fa, quindi, tutte le navi coinvolte nei salvataggi si trovavano ancora nell'area dei soccorsi, non a pochi metri dalle coste italiane, come invece accaduto quando Matteo Salvini era Ministro dell'Interno lo scorso anno. Il parallelismo con le vicende che lo hanno riguardato in prima persona, quindi, non può essere più sbagliato. Chissà se anche i suoi sostenitori più duri e puri riuscirono a capirlo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO