Open Arms, Tribunale dei Ministri chiede processo per Salvini: "Soccorso in mare obbligatorio"

Dopo il caso della nave Gregoretti, Matteo Salvini è nuovamente accusato di sequestro di persona per la vicenda della nave ong Open Arms.

Il tribunale dei Ministri di Palermo ha chiesto infatti al Senato l'autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro dell’Interno che ad agosto scorso impose il divieto di sbarco ai migranti soccorsi dalla nave della ong spagnola Proactiva Open Arms. Le ipotesi di reato a carico di Salvini sono sequestro di persona e omissione di atti d’ufficio.

I magistrati palermitani ricordano l'obbligo di prestare soccorso in mare e quello di garantire un porto sicuro definendo un atto "amministrativo" e non di matrice politica quello di chiudere il porto alla Open Arms.

Una decisione che secondo il tribunale dei Ministri è stata presa da Salvini in autonomia, senza coinvolgere il governo e "ignorando l'emergenza sanitaria a bordo di cui il Viminale era a conoscenza".

I 164 migranti obbligati a restare sulla nave per 10 giorni, al largo di Lampedusa, sbarcarono poi per ordine del procuratore di Agrigento.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO