Processo Unipol: rinviata la sentenza su Silvio Berlusconi


Silvio Berlusconi può tirare un bel sospiro di sollievo. Se nel Processo Ruby i giudici non gli hanno concesso il rinvio per legittimo impedimento, meglio gli è andata nel Processo Unipol: i giudici della Quarta Sezione penale del Tribunale di Milano hanno accolto la richiesta di sospensione del processo, che vede imputati il Cavaliere e il fratello Paolo per la vicenda delle intercettazioni Fassino-Consorte (quelle del famoso "Abbiamo una banca").

Quindi, rinvio della sentenza - originariamente prevista per il 7 di febbraio - di un mese esatto per motivi legati alla campagna elettorale che il Cavaliere deve condurre. "Motivi rilevanti e non puramente dilatori" per il giudice Oscar Magi, che ha quindi deciso di accogliere la richiesta del difensore di Berlusconi, Piero Longo, che adesso ha gioco facile ha parlare di "giudici che si contraddicono":

Questa decisione non potrà trovare reazioni negative da nessuno. Rimane il fatto che nel giro di pochi giorni lo stesso tribunale - di fronte alle stesse ragioni - in un caso le ha accettate e nell'altro no

Il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli aveva chiesto un anno di carcere per Berlusconi, mentre per il fratello Paolo che risponde non solo di rivelazione di segreto d'ufficio ma anche di ricettazione, 3 anni e tre mesi di reclusione.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO