Coronavirus, Xi Jinping scrive a Mattarella: "I suoi gesti dimostrano che la vera amicizia si vede nel momento del bisogno"


L'epidemia di coronavirus COVID-19 sta creando non poche tensioni tra la Cina, focolaio dell'epidemia, e il resto del Mondo. Più volte dalla Cina in questi ultimi giorni sono arrivate critiche al modo in cui diversi Paesi, dagli Stati Uniti all'Australia, stanno agendo di fronte alla possibile ulteriore diffusione del COVID-19. Anche nei confronti dell'Italia sono arrivate delle critiche da parte di ufficiali cinesi per lo stop dei voli diretti e l'aumento delle aggressioni nei confronti dei cittadini cinesi.

In questo contesto si inserisce il concerto straordinario organizzato, ospitato presso la Cappella Paolina del Quirinale, in occasione delle iniziative dell'Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020. Per questa occasione il presidente cinese Xi Jinping ha inviato una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per riaffermare la vicinanza tra i due Paesi.

La scorsa settimana lei ha voluto incontrare gli studenti di una scuola elementare presso un quartiere di Roma in cui la comunità cinese è molto numerosa. Oggi ha voluto organizzare questo concerto straordinario di una pianista di origini cinesi. Si tratta di un ulteriore gesto concreto che mostra come la vera amicizia si veda nel momento del bisogno e io ne sono profondamente commosso. [...] In questo momento in cui il popolo cinese sta lottando contro il coronavirus con tutte le sue forze, le parole del suo messaggio sono un segnale della sua fiducia e del suo sostegno nei nostri confronti.

Lo stesso Mattarella, intervenendo all'evento odierno al Quirinale, ha fatto riferimento a quella lettera:

Come mi ha scritto il presidente Xi Jinping nel messaggio che mi ha mandato, le difficoltà sono temporanee, le amicizie imperiture. Nell'epidemia abbiamo un nemico comune.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO