Renzi-Conte, tensione alle stelle. Ma qual è il piano di Matteo Renzi?

renzi-lega-soldi-autostrade-conte-legale-concessionari.jpg

La tensione tra Matteo Renzi e il Premier Giuseppe Conte è alle stelle in queste ore e l'assenza di Italia Viva dal CdM di questa sera potrebbe aver segnato un punto di non ritorno. Prima del Consiglio dei Ministri il premier Conte, subito dopo la replica di Matteo Renzi arrivata nel corso di una diretta Facebook, avrebbe chiamato il Presidente della Repubblica per informarlo sugli ultimi avvenimenti.

Disertare un Consiglio dei Ministri è senza dubbio un chiaro segnale di strappo nella maggioranza di governo e al momento non è chiaro se in qualche modo si riuscirà a ricucire. Così come non è chiaro quale sia allo stato attuale il piano di Matteo Renzi, ammesso che ne abbia uno.

Era evidente fin dal principio che l'addio di Matteo Renzi dal PD quando il governo ci era già costituito avrebbe creato dei problemi e delle tensioni, così come lo stesso Renzi ne aveva creati in passato all'interno del Partito Democratico, ed era altrettanto evidente che ogni partito nella maggioranza sarebbe dovuto scendere a compromessi e giungere di volta in volta ad accordi sui vari temi all'ordine del giorno.

Renzi, però, fin dal principio ha tentato di emergere e si è ritagliato il ruolo di bastian contrario, quello meno disposto a scendere a compromessi. Qual è il suo obiettivo è difficile dirlo, visto che il suo comportamento ricorda in po' quello di Matteo Salvini nelle ultime settimane di governo. La differenza, però, è che il piano del leader della Lega era chiarissimo: tornare subito al voto e concretizzare quei consensi che i sondaggi gli stavano attribuendo in quel periodo.

I consensi di Matteo Renzi non sono neanche paragonabili a quelli di Matteo Salvini e un possibile ritorno alle urne potrebbe decretare la vittoria del centrodestra. In quel caso che fine farebbe Italia Viva? Proverebbe a creare un'alleanza di governo col centrodestra? O finirebbe all'opposizione insieme al Partito Democratico e al Movimento 5 Stelle?

Nessuna delle due opzioni sembra mettere Italia Viva in una posizione di vantaggio rispetto a quella in cui si trova ora. Saranno i prossimi sviluppi a darci un quadro più chiaro di quello che potrebbe succedere. Il CdM, intanto, è in corso in questi minuti a Palazzo Chigi, senza i ministri di Italia Viva.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO