Coronavirus: l'Austria revoca il blocco dei collegamenti ferroviari con l'Italia

Gli ultimi aggiornamenti sulla diffusione del coronavirus nel Nord Italia.

Coronavirus Italia

AGGIORNAMENTO ORE 08:20 - L’Austria ha revocato dopo qualche ora il blocco dei treni provenienti dall’Italia attraverso il Brennero. La misura era stata presa dal ministero dell’Interno austriaco per via di due casi sospetti di contagio da coronavirus su un treno proveniente dal nostro Paese e diretto a Monaco. Ad annunciare la revoca del blocco le ferrovie austriache Obb su Twitter. "Da lunedì - si legge - si potrà viaggiare attraverso il Brennero. Chiunque non desideri recarsi in Italia può cancellare il proprio biglietto per l'Italia con validità 24 febbraio 2020 gratuitamente".

Coronavirus: Austria blocca collegamenti ferroviari

Aggiornamento ore 22:50 - L'Austria ha deciso di stoppare la circolazione ferroviaria dall'Italia. È successo dopo che un treno proveniente da Venezia e diretto a Monaco è stato fermato al Brennero intorno alle ore 19:10 e sono state fatte scendere due persone con sintomi influenzali. Il 118 li ha giudicati non sospetti, la gli austriaci hanno preferito non far entrare il treno che era partito alle 15. I passeggeri hanno provato a superare il confine salendo sul treno successivo, ma anche quello è stato bloccato e di conseguenza sono stati bloccati tutti i collegamenti ferroviari su quella linea.

Aggiornamento ore 21:26 - Sale il numero di regioni che hanno deciso di bloccare le attività didattiche per almeno una settimana, quindi da domani, 24 febbraio, fino al 1° marzo. Oltre a Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, si sono aggiunte anche Liguria, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige. Praticamente in tutto il Nord scuole e università resteranno chiuse.

Intanto al Brennero un treno è stato bloccato dalle autorità austriache per due casi sospetti di infetti da coronavirus a bordo, la segnalazione è arrivata dal capotreno italiano. Anche la Romania si sta attrezzando per controllare tutti gli arrivi da Lombardia e Veneto, predisponendo la quarantena per chi giunge dalle due regioni italiane.

Aggiornamento ore 18:00 - Ammontano attualmente a 150 i casi di contagio da coronavirus in Italia.

Coronavirus, Borrelli: "Paziente zero non ancora trovato"


Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile nonché commissario per l'emergenza coronavirus, ha fatto il nuovo punto della situazione nel primo pomeriggio di oggi partendo da un elemento fondamentale: "Le strutture sanitarie non hanno ancora individuato il paziente - o i pazienti - zero dal quale è partita la diffusione del virus".

Il numero dei contagiati ammonta in questo momento a 132: "ci sono 89 casi in Lombardia, 24 in Veneto, 9 in Emilia-Romagna, 6 in Piemonte e 2 nel Lazio (i due ricoverati allo Spallanzani)". Tra le persone positive ai test sono "54 i ricoverati negli ospedali con sintomi, 26 in terapia intensiva e 22 in isolamento domiciliare"

Borrelli ha poi assicurato che la Protezione Civile sta già organizzando le contromisure per far fronte ad un eventuale aumento significativo di casi di contagio. Il commissario ha infatti spiegato che l'Esercito ha già messo a disposizione 3.412 posti letto, mentre l'Aeronautica ne ha dati a disposizione 1.750. Inoltre sussiste anche la possibilità di utilizzare gli alberghi qualora si rendesse necessaria una quarantena di massa: "Abbiamo fatto inoltre una ricognizione con le regioni per gli alberghi e siamo pronti a utilizzarli".

Borrelli ha inoltre sottolineato come fino ad ora siano stati fatti "oltre 3mila tamponi" per verificare casi sospetti. In questo momento, però, "è difficile formulare previsioni per quella che può essere la diffusione, l'unica misura concreta e valida da adottare è dunque quella di chiudere i territori"; "Al momento le uniche aree sottoposte a isolamento in quanto ritenute focolai del virus sono i dieci comuni del lodigiano individuati nell'ordinanza del ministro della Salute e del governatore della Lombardia e il territorio del comune di Vo' Euganeo".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO