Coronavirus in USA, Trump negativo al tampone. Più di 2.900 persone positive


Gli Stati Uniti sono uno dei Paesi del Mondo che più hanno sottovalutato la pandemia di coronavirus COVID-19 nonostante i dati in indicassero ormai da settimana una diffusione piuttosto importante del nuovo virus anche in territorio statunitense.

Solo nelle ultime ore Donald Trump si è deciso a dichiarare l'emergenza nazionale, ma le sue parole fanno trasparire che la mossa sia stata dettata più dalle pressioni dei governatori locali che da una reale convinzione della pericolosità della diffusione incontrollata del virus, con tutte le possibili conseguenze che questo potrà portare in un Paese con un sistema sanitario praticamente inaccessibile per milioni di cittadini che non possono permettersi di sostenere le esorbitanti spese delle sanità.

E così, mentre Trump annuncia l'esito negativo del tampone per verificare il contagio da coronavirus, la Casa Bianca invita il proprio staff ad evitare il più possibile i contatti fisici e suggerisce ai cittadini che sono stati in contatto con persone risultate positive al coronavirus COVID-19 di rimanere in isolamento domiciliare per 14 giorni.

Ad oggi gli Stati Uniti hanno ufficializzato 2.952 casi di positività al nuovo virus e confermato 57 decessi legati al COVID-19: 40 nello stato di Washington e i restanti tra la California, la Florida, New York, Kansas e Virginia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO