Coronavirus, ILO: 25 milioni di posti di lavoro a rischio nel mondo

ilo ricadute coronavirus su disccupazione

L’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) lancia l’allarme sulle ricadute della pandemia di coronavirus. A rischiare il posto di lavoro per le conseguenze economiche della diffusione mondiale del Covid-19 sono dai 5,3 milioni ai 24,7 milioni di persone.

L’ipotesi peggiore non sembra troppo azzardata se si pensa che la crisi finanziaria internazionale del 2008-2009 provocò 22 milioni di disoccupati in più nel mondo.

Certo, tra lo scenario più ottimistico e quello più pessimista ipotizzato dall’organizzazione la forbice è ampia. Secondo l’Ilo in ogni caso servirebbe agire tempestivamente a livello internazionale con "una risposta coordinata delle politiche economiche" come fu "durante la crisi 2008-2009".

Questo "potrebbe permettere di ridurre l'impatto dell'emergenza coronavirus sulla disoccupazione globale". A causa della pandemia, i 188 milioni di disoccupati nel mondo registrati nel 2019 potrebbero trovarsi in compagnia di altri 25 milioni di persone, nello scenario più nero. Molto dipenderà dalle misure messe in campo dai singoli governi.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO