Coronavirus, Lombardia e Veneto chiedono misure più restrittive

Lombardia e Veneto sono ad oggi le Regioni d'Italia più colpite dall'epidemia di coronavirus COVID-19. Gli ospedali sono sull'orlo del collasso, le morti si susseguono di giorno in giorno così come i nuovi casi di positività al nuovo virus. Gli effetti delle misure restrittive si inizieranno a vedere tra qualche giorno, ma i governatori delle due Regioni stanno chiedendo a gran voce al governo di Giuseppe Conte di imporre ulteriori restrizioni, almeno nelle due Regioni.

È di oggi il nuovo appello di Attilio Fontana, governatore della Lombardia, al governo di Conte:

Chi ha vissuto questa emergenza conferma quello che è assolutamente necessario fare. Bisognerà chiedere al nostro governo che vengano emessi provvedimenti ancora più rigorosi di quanto non sia stato fatto fino ad oggi.

Per Fontana non si può perdere altro tempo:

Non si deve aspettare più niente. Si devono prendere le decisioni che ci sono state suggerite da chi ha vissuto questa esperienza e da chi è riuscito a sconfiggere il virus. Oggi parlerò sicuramente con il presidente del Consiglio e cercherò di capire cosa si può fare nel più breve tempo possibile.

❌ #Coronavirus. Chi lo ha vissuto conferma ciò che è assolutamente necessario mettere in campo per far fronte all'...

Posted by Attilio Fontana on Thursday, March 19, 2020

Stesso appello rivolto al governo da Luca Zaia, governatore del Veneto, che snocciola i numeri delle ultime ore come un vero e proprio bollettino di guerra. Quello che viene chiesto è che si limitino anche le libertà di cui i cittadini stanno approfittando: passeggiate, corse e attività fisica all'aperto.

Ho parlato questa mattina con il ministro Speranza e io spero veramente che si adottino misure più restrittive rispetto ai passeggi, abbiamo delle foto da cui si vede che le situazioni non sono assolutamente in linea con il tema del restare a casa, di aver prudenza. [...] Mi spiace, perché so cosa significhi non poter uscire, ma è pur vero che l'alternativa è la terapia intensiva, i ricoveri e i contagi. Spero inoltre che il Governo si decida a chiudere quei pochi negozi rimasti aperti la domenica, se non il sabato pomeriggio come in Germania.

Al momento il governo di Giuseppe Conte non ha chiuso all'idea di imporre misure più restrittive. Anzi, dovrebbe arrivare a breve una stretta alle passeggiate e le attività all'aperto in tutto il territorio nazionale e non soltanto nelle Regioni più colpite dall'epidemia.

L'APPELLO DEGLI INFERMIERI CHE LOTTANO CONTRO IL #CORONAVIRUS

🔴🔴🔴 "NON C'E' PIU' TEMPO. OGNI VOSTRA USCITA APRE LA PORTA AL VIRUS". E' l'appello degli infermieri che stanno lottando nei nostri ospedali.
E' chiaro? STATE A CASA!!! 🔴🔴🔴

⚠ CONDIVIDETE ⚠

Posted by Luca Zaia on Thursday, March 19, 2020
  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO