Salvini: "Mattarella mi ha chiamato, aspetto la telefonata di Conte"

salvini mattarella conte coronavirus

Matteo Salvini, leader della Lega, è intervenuto oggi a 'L'Aria che tira' su La7. Dopo essersi espresso negativamente sul secreto Cura Italia, il segretario del ‘Carroccio’ ha ammesso di aver parlato oggi con il Capo dello Stato: "Poco fa mi ha chiamato il presidente Mattarella. È stato cortese - ammette Salvini - abbiamo discusso di come collaborare, di come aiutare l'Italia e noi abbiamo detto che abbiamo una marea di proposte da fare, che siamo disponibili a collaborare".

Insomma, il presidente della Repubblica chiede anche alle opposizioni di dare un contributo in questa fase di emergenza mondiale, ma a quanto pare la Lega non ha intenzione di modificare il proprio atteggiamento, che è di forte critica nei confronti degli aiuti predisposti dal governo. "Migliaia di produttori, laboratori artigiani e imprenditori, domani venerdì 20 marzo devono pagare le tasse, è una riflessione che ho fatto anche al Presidente della Repubblica Italiana - insiste Salvini - Possiamo a nome di milioni di lavoratori italiani chiedere di migliorare il decreto oppure chiedere di fare quelle cose che aiutano?". "L'ho detto al presidente Mattarella - ha proseguito - e spero che mi aiuti a far capire al governo che domani ci sono milioni di Italiani che dovrebbero pagare le tasse, pagare l'F24. Sto chiedendo la luna? Sto chiedendo di posticipare una scadenza prevista per domani".

C’è disponibilità a collaborare, ribadisce Salvini, ma è Conte a dover fare il primo passo. Eppure qualche giorno fa, il presidente del Consiglio aveva affermato pubblicamente di non aver avuto risposte concrete dai leader di Fratelli d’Italia e Forza Italia, mentre con la Lega non era riuscito ad instaurare un rapporto per l’emergenza nonostante telefonate e messaggi su Whatsapp. "Ho ribadito la nostra disponibilità a collaborare - insiste l’ex ministro dell’Interno - ma per collaborare bisogna essere in due, io spero di essere chiamato anche questo pomeriggio dal presidente del Consiglio, di essere chiamato oggi".

Salvini: "Votiamo il decreto se..."



A chi gli fa notare che in realtà il governo si sia già impegnato per posticipare la scadenza del 20 marzo per il pagamento delle tasse, Salvini risponde che non basta ancora per dare il via libera al decreto Cura Italia: "Se mi tolgono lo svuota-carcere e mettono più soldi per precari, stagionali e autonomi allora se ne può parlare. Stanotte la Bce ha messo 750 miliardi, allora possiamo investirne come italiani più di 25?". L’impressione è che il punto d’incontro con la maggioranza di governo non si troverà.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO