Calenda attacca Boccia: "Fa pagliacciate durante una pandemia"

Durante una situazione di assoluta emergenza come quella che sta vivendo l'Italia in questo settimane non dovrebbe esserci spazio per le futili polemiche. Eppure, nonostante i numerosi appelli all'unità, c'è chi non sembra aver capito bene che gli egoismi e le manie di protagonismo devono essere rimandate a data da destinarsi.

È il caso dell'ex Ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, leader di Azione, che in queste ore di isolamento ha voluto trovare il tempo di attaccare il Ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia per un motivo che definire futile sarebbe riduttivo: la mascherina appesa all'orecchio durante la conferenza stampa della Protezione Civile.

Tanto sarebbe bastato a Calenda per chiederne le dimissioni in un appello a cui nessuno ha voluto aderire:

Boccia ha dimostrato di non avere le qualità per ricoprire un ruolo istituzionale in questo momento. Non esiste sulla faccia della terra che un Ministro si metta a fare pagliacciate durante una pandemia nella sede della protezione civile. Conte dovrebbe chiedere le dimissioni.

Una polemiche sterile a cui il diretto interessato, che ha rimesso al proprio posto Calenda:

Uso continuamente quella mascherina, così come tutti i nostri collaboratori. È indegno che ci sia chi fa sciacallaggio su una cosa che facciamo ogni giorno dalla mattina alla sera. Borrelli sorrideva perché, dopo il primo click, c’erano già le prime dieci domande di medici volontari! Ma nemmeno in un momento così si riescono ad evitare polemiche inutili?

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO