OMS: picco in Italia forse entro la prossima settimana | Agitazioni: Patuanelli cerca accordo coi benzinai

"Il picco dovremmo averlo entro la prossima settimana" dice Ranieri Guerra, direttore vicario dell’Oms, riferendosi all’emergenza Covid-19 in Italia per oltre 69mila contagi totali accertati da inizio crisi e dai 450mila ai 600mila reali ipotizzati.

La prossima settimana "sarà decisiva" spiega Guerra a Circo Massimo su Radio Capital. "Il rallentamento della velocità di crescita è un fattore estremamente positivo. In alcune regioni siamo vicini al punto di caduta della curva e quindi probabilmente il picco potrebbe essere raggiunto in questa settimana e poi cadere. Credo che questa settimana e i primi giorni della prossima saranno decisivi, perché sono i momenti in cui i provvedimenti di governo di 15-20 giorni fa dovrebbero trovare effetto, efficacia".

Secondo l’esperto: "Quello che ci si aspetta dunque è vedere decadere la curva in maniera più rapida nel giro di questi 5-6 giorni" ma "purtroppo la mortalità segue di qualche giorno la curva di diminuzione della diffusone di contagio. Ci aspettiamo di vederla decadere, ma con alcuni giorni di ritardo rispetto al numero dei contagiati". In ogni caso sul picco "chiunque dica qualcosa adesso dice una stupidaggine" chiarisce Guerra.

Il numero di decessi di persone positive nel nostro Paese (6.820) è oltre il doppio di quello registrato nella provincia cinese dello Hubei, epicentro della pandemia del nuovo coronavirus. I casi totali nel mondo sono 423.121 (18.919 decessi e 108.619 guariti) secondo i dati della Johns Hopkins University.

Patuanelli in conference call per evitare serrata benzinai

Nel frattempo sono stati confermati gli scioperi indetti per oggi dai sindacati dei metalmeccanici in Lombardia e nel Lazio. Si va verso l'accordo con il governo sulle attività del comparto ancora da chiudere, ma un nuovo incontro ci sarà a mezzogiorno.

Di fronte all’annuncio dell’agitazione dei benzinai il ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli sarà nel pomeriggio in conference call con i presidenti di Faib-Fegica, Figisc/Anisa che ieri spiegavano "di non essere più nelle condizioni di assicurare il necessario livello di sicurezza sanitaria nè la sostenibilità economica del servizio".

Trasporti: stop prorogati fino al 3 aprile

Restano tutti prorogati fino al 3 aprile gli stop del ministero dei Trasporti; tra le misure per la limitazione della mobilità è prevista una nuova riduzione dei treni a lunga percorrenza come Intercity e Frecce.

Il leader della Lega Matteo Salvini ha chiesto che il governo metta in campo investimenti illimitati e almeno 100 miliardi subito per la tenuta economica e sociale del paese.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO