Coronavirus, dopo la linea dura di Italia e Spagna accordo al vertice Ue: nuove proposte in 2 settimane

giuseppe-conte rigetta bozza consiglio ue

AGGIORNAMENTO ore 23.00 - Di fronte all’opposizione di Italia e Spagna, i leader dei Paesi Ue hanno trovato un accordo per elaborare entro due settimane nuove proposte relative a un'azione comune e coordinata di bilancio per far fronte all’impatto economico dell’epidemia di Covid-19.

Il documento stabilisce che la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, presenteranno proposte di lungo periodo: "Azioni anti-crisi ulteriori saranno inclusive" dicono.

Michel, alla fine della riunione in videoconferenza, spiega: "Siamo pronti a fare tutto quel che serve" contro le conseguenze economiche dell’epidemia" ma "dobbiamo continuare i nostri sforzi con l'Eurogruppo" che "in due settimane presenterà le sue proposte". Nel documento finale siglato dai leader dei 27 paesi Ue non si fa più riferimento al Mes.

Coronavirus, Conte: rigettiamo bozza Consiglio Ue

Di fronte all’epidemia di coronavirus che ha investito il nostro Paese, il premier Giuseppe Conte concede all'Europa "10 giorni per battere un colpo" dopo aver rifiutato la bozza di conclusioni del Consiglio Ue.

Il governo alza la voce con Bruxelles, e se il Patto di stabilità è stato di fatto archiviato nel giro di un mese c’è ancora tanto da battagliare ai tavoli, ormai in videoconferenza, europei.

Al termine della riunione di oggi del Consiglio Ue sull’emergenza coronavirus, Conte ha fatto sapere di aver rifiutato "la bozza preparata, compresa l'eliminazione di qualsiasi riferimento al Mes", il Meccanismo di stabilità europeo.

Palazzo Chigi, in merito all’ipotesi eurobond (ribattezzati anche coronabond) precisa che non c’è mai stata l’idea di una mutualizzazione del debito pubblico: "Ciascun Paese risponde per il proprio debito pubblico e continuerà a risponderne".

Il presidente del Consiglio, prosegue la nota "dà 10 giorni all'Europa per battere un colpo e trovare una soluzione adeguata alla grave emergenza che tutti i Paesi stanno vivendo".

"Servono strumenti nuovi, è shock epocale". Perciò: "Occorre reagire con strumenti finanziari innovativi e realmente adeguati a reagire a una guerra che dobbiamo combattere insieme per vincerla quanto più rapidamente possibile".

Il premier si chiede: "Come si può pensare che siano adeguati a
questo shock simmetrico di così devastante impatto strumenti elaborati in passato, che sono stati costruiti per intervenire in caso di shock asimmetrici con riguardo a tensioni finanziarie riguardanti singoli Paesi?".

Il capo del governo apprezza le aperture "importanti" da parte di paesi come Francia, Lussemburgo, Portogallo, Irlanda e Grecia e insieme al premier spagnolo Sanchez dà l’ultimatum all’Ue: o batte un colpo o si fa da soli.

Parte la cabina di regia bipartisan

Intanto in Italia domani debutta la cabina di regia bipartisan contro il Covid-19. I capigruppo di maggioranza e opposizione di Camera e Senato si incontreranno domattina per la prima volta. "Noi andiamo a tavoli, tavolini, cabine e sedute spiritiche. Per ora abbiamo assistito solo a chiacchiere, mentre la gente a casa sta peggio" è stato il commento del leader leghista Matteo Salvini.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO