Coronavirus, Matteo Salvini: "Dopo il virus se serve salutiamo l'UE"

Matteo Salvini fa Matteo Salvini anche durante una situazione di estrema emergenza come quella che l'Italia e il resto del Mondo stanno vivendo in queste settimane. Oltre a condividere fake news sulla propria pagina Facebook, il leader della Lega attacca duramente l'Unione Europea e il ritardo nella decisioni, ipotizzando un addio dell'Italia all'UE quando l'emergenza si potrà dire conclusa.

Intervenuto in collegamento telefonico su TeleLombardia, Salvini ha usato i suoi soliti toni, quelli che in anni di europarlamentare non hanno portato ad alcun risultato:

Voglio dedicare un pensiero di schifo e vergogna all'Europa. Si sono presi 15 giorni i signori dell'Europa per decidere, perché a Berlino e Bruxelles non hanno capito che la gente sta morendo. Quindi si sono riuniti e hanno deciso che ci penseranno per due settimane se e come aiutare. Se questa è l'Unione europea, è una schifezza. Con la gente che muore oggi di polmonite e magari domani di mancanza di lavoro, siccome litigano Berlino, Amsterdam, Roma, Bruxelles, si prendono due settimane per riflettere. Ma andate a cagare...

Sempre elegante, anche in una situazione drammatica come questa. Eppure il leader della Lega, che ha frequentato per anni il Parlamento Europeo e si è interfacciato in modo diretto con l'UE durante la sua breve parentesi da Ministro dell'Interno, dovrebbe essere ben consapevole di come battere i pugni sul tavolo non abbia mai portato alcun risultato.

Intervistato da AffariItaliani, Salvini ha rincarato la dose ipotizzando un addio all'UE dopo la fine dell'epidemia:

Altro che Unione, questo è un covo di serpi e sciacalli. Prima sconfiggiamo il virus, poi ripensiamo all'Europa. E, se serve, salutiamo. Senza neanche ringraziare.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO