Ranieri Guerra (Oms): "In Italia si poteva chiudere prima. Tracciatura contatti resta il problema"

ranieri guerra oms quarantena coronavirus italia 15 gg prima

L’Italia doveva essere messa in quarantena prima secondo Ranieri Guerra, vicedirettore generale Iniziative strategiche dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms). La critica alle autorità politiche è abbastanza diretta: "Al momento dello scoppio epidemico in Cina ci sarebbe stata l'opportunità di una finestra di 15-20 giorni in cui sarebbe stato possibile intervenire, anche con chiusure".

Tracciature e tamponi

Per Guerra l'epidemia "con quei numeri era inevitabile che arrivasse in Italia e in Europa come è successo. Avrei messo in quarantena la popolazione".

L’esperto stamattina è intervenuto ad Agorà su Rai Tre: "Il problema maggiore che abbiamo è proprio la tracciatura dei contatti perché è su quelli che si vince o si perde e si riesce a contenere la diffusione dell'epidemia. È ovvio che un contatto va tamponato nel momento in cui viene identificato come tale, certamente non nel momento in cui emergono dei sintomi. Si tratta di avere una strategia orientata in questo senso".

Del modello sud-coreano, cioè della tracciatura degli spostamenti dei positivi e quindi degli eventuali contatti tramite un’App, però in Italia nessuno vuole saperne per questioni di privacy. Solo il governatore del Veneto Luca Zaia si era speso in tal senso.

Tornando a Guerra, in merito alla polemica sulla scarsità di tamponi, aggiunge: "Riferendosi alla Cina o al caso della Lombardia, con un'epidemia di queste dimensioni, si fa anche una classificazione di sospetto clinico, quindi in presenza di sintomi si cerca di intervenire con isolamento preventivo senza aspettare il tampone".

I passi per tornare alla normalità

Di previsioni sulla fine dell'emergenza è difficile farne ma qualcosa Guerra la azzarda, alla luce dei dati degli ultimi giorni: "La modellistica ci dice quello che avverrà poi ci sono le variabili umane. In questo momento la popolazione è estremamente disciplinata e la curva di propagazione del virus è rallentata già da una settimana".

Secondo Ranieri Guerra "la Lombardia avrà probabilmente un'estinzione precoce rispetto alle Regioni esposte successivamente. Per avere l'Italia intera Covid-free bisognerà aspettare l'ultima Regione che è partita con il contagio".

Allora sarà necessaria "un'analisi sierologica di quanto il virus ha circolato" analisi che "è fondamentale per ricondurre l'epidemia alla sua giusta dimensione. Il problema è decidere sulle riaperture progressive in modo da garantire protezione alle persone fragili".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO