Salvini: "Il bond patriottico piace a molti. Conte mi ha rimproverato per la questione Inps. Ho fatto gli auguri a Orbán"

In una intervista a La Verità, Matteo Salvini espone la sua idea sui buoni del tesoro.

Matteo Salvini

Matteo Salvini ha rilasciato un'intervista al quotidiano "amico" La Verità che, con il suo direttore Maurizio Belpietro ha lanciato l'idea di emettere dei megabond per favorire la ripresa dell'Italia contro la crisi economica innescata dal coronavirus.

Salvini ha detto:

"Ho chiacchierato lungamente con Giulio Tremonti, ho sentito rappresentanti delle industrie: la proposta della Lega è sulla linea Belpietro. Ho visto che personaggi come Mario Draghi e Carlo Cottarelli sono favorevoli a spendere subito tutto il possibile. Siamo in tempo di guerra e non si può andare al risparmio"

Il leader della Lega ha anche detto di averne parlato con il governo:

"L'ho ribadito anche incontrando il Presidente del Coniglio e il ministro dell'Economia e presentando le proposte della Lega e del centrodestra. È stata una riunione di tre ore cortese e garbata. Però il ministro Roberto Gualtieri, me lo sono appuntato, dice di avere risorse limitate. Così non va"

L'idea della Lega è la seguente:

"Emissioni di buoni del tesoro straordinari per 100 miliardi di euro, a lunga scadenza, dedicati a investitori italiani cui riservare vantaggi fiscali. Le normative europee non permettono tassi di interesse più alti, ma nulla vieta che ai sottoscrittori vengano garantiti crediti d'imposta o esenzioni dal 12,5% di imposta. L'importante è che si ragioni su queste dimensioni. E 100 miliardi non basteranno"

Secondo Salvini questi soldi vanno investiti per "sviluppo, sostegno alle imprese, opere pubbliche" e "la parte non sottoscritta dagli italiani verrebbe sottoscritta dalla BCE". Tornando poi alla riunione con il governo, il senatore leghista ha aggiunto:

"Ci siamo alzati dal tavolo senza sentire né numeri né scadenze né impegni. Magari ce lo diranno domani. Il problema è che ogni giorno che passa è tempo perso: 100 miliardi oggi avrebbero un impatto, fra due mesi gran parte del danno sarebbe già fatto"

Poi Salvini ha anche detto che il Premier Giuseppe Conte lo ha rimproverato:

"Mi ha rimproverato perché ho polemizzato con l'INPS, ha detto che non bisogna soffiare sul fuoco. Ma non sono io a gestire un sito che è andato in palla e a inventarmi gli hacker. Finché non sappiamo quanto il governo vuole essere veloce e coraggioso, è difficile fare di conto"

Salvini ha poi parlato anche del ruolo dell'Europa in questa crisi:

"L'Europa è nata senza un'anima e come un grande centro commerciale. Facemmo la battaglia per inserire nella costituzione le radici giudaico cristiane, che è un dato di fatto oggettivo, ci dissero di no perché discriminavamo. L'unico interesse in Europa è il business. È un'Europa a trazione tedesca, e ai tedeschi non conviene aiutarci, perché a me nessuno toglie l'idea che qualcuno userà il virus per fare una guerra commerciale"

E quando gli viene chiesto se "vogliono distruggerci" Salvini risponde:

"In un certo mondo industriale e finanziario non c'è interesse ad aiutare l'Italia e i Paesi mediterranei a rialzarsi. Certo, i tentennamenti sul Mas di parte del governo, soprattutto nel PD, non aiutano. Noi dobbiamo dire da subito che di ipoteca sui risparmi degli italiani non si parlerà mai. Invece vedo che il governo continua a non escluderlo e anche qualche giornale italiano, ahimè, supporta questa causa. Però vedo anche che tra i sostenitori della linea 'spendere tutto e subito' non ci sono più soltanto i rozzi leghisti. Siamo in buona e qualificata compagnia"

Poi Salvini ha anche detto di aver mandato un messaggio di auguri a Viktor Orbán, che ha ottenuto dal Parlamento ungherese pieni poteri, e ha attaccato chi si inchina "alla propaganda del Partito comunista cinese".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO