Coronavirus, Borrelli: "Staremo a casa anche il 1° maggio"

Angelo Borrelli

L'epidemia di coronavirus in Italia sembra lentamente rallentare, ma la strada è ancora lunga e con ogni probabilità, anche se per ovvi motivi il governo di Giuseppe Conte si sta muovendo con cautela nel fare gli annunci, la scadenza delle misure restrittive fissata per il 13 aprile slitterà ancora, anche se non è chiaro se con le stesse modalità attuali.

Lo ha precisato, con tutte le cautele del caso, il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, secondo il quale non solo si dovrà trascorrere Pasqua e Pasquetta in casa, ma anche il 1° maggio, giornata solitamente dedicata ai raduni e le scampagnate, sarà una giornata di quarantena.

Intervenuto questa mattina a Radio Anch'Io su Rai Radio 1, Borrelli ha così risposto a chi gli chiedeva se anche il 1° maggio sarà off-limits:

Credo proprio di sì, non credo che passerà questa situazione per quella data. Dovremo stare in casa per molte settimane.

Bisogna abituarsi ad un lungo isolamento, anche se il governo e il comitato scientifico stanno già pensando alla fase due, quella che scatterà quando si potrà dire chiusa questa fase emergenziale:

Il coronavirus COVID-19 cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze per diverso tempo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO