Azzolina da Fazio: "Tutti ammessi alla Maturità, ma non promossi. In terza media esame con elaborato"

La ministra dell'Istruzione ha illustrato le modalità di svolgimento degli esami di Stato.

Lucia Azzolina ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa

La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina è stata in collegamento con Fabio Fazio a "Che tempo che fa" ha parlato delle conseguenze dell'emergenza coronavirus sulla scuola e ha spiegato:

"Non è il ministro dell'Istruzione che può stabilire quando il virus è superato. Io ho il compito di tutelare i miei studenti, fino a quando non ci sarà la sicurezza, non potranno tornare in classe. Ma ho il dovere di pensare a degli scenari alternativi e di realizzarli, per far sì che gli studenti possano lavorare con il personale scolastico. Io penso che il Paese possa essere fiero di quello che il personale scolastico sta facendo e soprattutto un grazie va alle famiglie"

Quando le è stato chiesto se ha senso riaprire le scuole il 18 maggio e rischiare per pochi altri giorni di scuola, Azzolina ha detto:

"Se è un rischio assolutamente no, infatti è per questo che ascolteremo quello che ci diranno le autorità sanitarie. È chiaro che non ho competenze mediche. I ragazzi torneranno a scuola solo quando le condizioni lo permetteranno"

Il Professore Roberto Burioni, che affianca Fazio in questo periodo, ha osservato che "non si può chiedere alla scienza di prendere decisioni politiche" e Azzolina ha replicato:

"La politica sarà ancora più prudente e si assumerà tutte le responsabilità, ma è chiaro che io, insieme a tutto il governo, ho bisogno di dati scientifici per prendere le decisioni"

Per quanto riguarda l'esame di Maturità, Azzolina ha spiegato:

"Abbiamo previsto diversi scenari che garantiscano un esame serio. Al momento sono due: nel caso in cui si tornasse in classe entro il 18 di maggio si penserebbe a una commissione tutta interna e un presidente esterno, la prova nazionale d'italiano sarà gestita dal ministero, la seconda prova, invece, sarà preparata dalla commissione interna, per garantire delle prove aderenti al percorso di apprendimento fatto. Invece, se non si torna in classe, gli esami saranno con una unica prova orale. Faccio un appello agli studenti: stiamo chiedendo responsabilità a tutto il Paese, gli studenti che faranno l'esame di Stato sono cittadini adulti, che votano, chiedo a loro la stessa responsabilità"

Fazio ha chiesto "se qualche studente ha insufficienze è ammesso all'esame?" e Azzolina ha risposto:

"Sì, sono ammessi all'esame, ma non è detto che siano promossi. La didattica a distanza, che ha dei risultati molto importanti, non dà la matematica certezza di arrivare al 100% degli studenti. Se ci fosse un solo studente rimasto fuori io devo garantirgli il diritto allo studio. Gli studenti vanno tutelati, non nel senso di una promozione di massa come si è detto falsamente in questi giorni, ma dandogli una possibilità. La maturità è la fine di un lungo percorso che dura cinque anni, i professori conoscono benissimo gli allievi"

Per la terza media invece ha detto:

"Se non si torna a scuola gli studenti presenteranno un elaborato fatto durante il periodo di didattica a distanza e saranno scrutinati sulla base di quell'elaborato"

Fazio ha chiesto anche che cosa succederà dopo, in autunno, quando potrebbe esserci ancora il pericolo di una nuova ondata di contagi. Azzolina ha ribadito:

"Questo è uno dei tanti scenari a cui stiamo pensando. Quando si tornerà a scuola sarà perché avremo la certezza che tutti gli studenti italiani saranno al sicuro"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO