Coronavirus, il virologo Clementi: "Andremo in spiaggia con la mascherina"

mascherine lombardia governo

L'epidemia di coronavirus COVID-19 continua a fare vittime in Italia e, nonostante i primi segnali positivi, la strada verso il ritorno alla normalità è ancora lontana. Il premier Giuseppe Conte ha confermato che ad oggi non è possibile ipotizzare una data per l'avvio della cosiddetta fase 2, quella in cui dovremo imparare a convivere col nuovo virus, ma a tracciare un possibile scenario è stato il virologo Massimo Clementi, professore ordinario del San Raffaele di Milano.

Se si riuscirà a ridurre il contagio, la vita potrà lentamente riprendere, ma occorrerà avere una serie di accortezze, a cominciare dal dover indossare la mascherina ovunque si andrà. Clementi, in un'intervista a La Stampa, ha dichiarato:

Si potrà andare al mare, portandosi la mascherina. Avremo alle spalle un’esperienza importante, ma sarà vivibile grazie al calo consistente del contagio.

Proprio per questo motivo, al di là dei segnali positivi che ci vengono comunicati di giorno in giorno, è necessario tenere duro ancora un po' e rispettare alla lettera le misure restrittive in vigore. Solo con la collaborazione di tutti i cittadini si potrà uscire da questo incubo.

Anche se si potrà iniziare ad uscire di casa tra qualche settimana, dimentichiamoci i baci e gli abbracci a cui siamo abituati:

Meglio evitarli per qualche mese fino alla scomparsa del virus. Con la prudenza nel togliere le restrizioni. Può essere che a settembre torneremo a vivere come prima. Ci aiuteranno le misure prese, il caldo che influisce come per tutti i coronavirus e l’indebolimento del virus nel tempo. Non è mutato, si spera lo faccia e si attenui.

La nostra arma più potente, al momento, è il distanziamento sociale. Solo così si eviterà al virus di propagarsi:

Il virus è contagioso, ma ha bisogno di vicinanza e di tempo per trasmettersi tramite le goccioline. Anche la respirazione prolungata di un infetto in un ambiente chiuso può contaminare l’ambiente e le superfici. Bisogna cambiare l’aria, tenere due metri di distanza e privilegiare spazi ampi e aperti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO