Silvio Berlusconi: "Dire no al Mes sarebbe un errore clamoroso, disposti ad aiutare Conte"

Berlusconi

Silvio Berlusconi, in un'intervista telefonica a "Di martedì", rimprovera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte toni e contenuti usati con l’Unione europea nel dibattito sul Meccanismo europeo di stabilità (Mes) ma non per questo non tende la mano di fronte all’emergenza.

Secondo il leader di Forza Italia: "Per il futuro ci vorrà davvero un governo rappresentativo degli italiani. Ma adesso ci interessa di più aiutare Conte a non commettere gli errori che sta facendo, per esempio, sul Mes. L'errore sul Mes sarebbe quello, clamoroso, di dire all'Europa faremo da soli".

Questo perché, prosegue Berlusconi "si rinuncerebbe a usare così 36-37 miliardi, che potremmo ottenere, senza condizioni, per sistemare il nostro Sistema sanitario nazionale. Peraltro a un tasso di interesse inferiore a quelli di mercato, con cui potremmo costruire nuovi ospedali, sistemare quelli esistenti, realizzare dipartimenti sanitari nelle carceri, investire di più nella ricerca, aumentare i posti nelle facoltà di medicina e assumere più medici e personale sanitario migliorando anche le loro condizioni salariali".

Berlusconi ribadisce poi il suo no alle ipotesi di governo di unità nazionale, spiegando che il compito di Forza Italia e dell'opposizione tutta, ora è di dare una mano al premier, per evitare appunto errori clamorosi: "Non dobbiamo assolutamente dire di no al Mes" ripete il Cavaliere. L’esatto contrario di quanto sostengono Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO