Giuseppe Conte: "L'UE deve usare tutta la sua potenza di fuoco"

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte torna a sollecitare la Germania e l'intera UE sul delicato tema dei coronabond e lo fa con un'intervista che sarà pubblicata domani sul quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung.

Conte, ribadendo quanto ammesso nei giorni scorsi dalla Presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen, ha precisato al quotidiano che l'Italia è stata lasciata sola nella prima fase di emergenza legata all'epidemia di coronavirus COVID-19:

È indiscutibile: l'Italia è stata lasciata sola. Anche Ursula von der Leyen si è scusata per questo a nome dell'Unione europea, nell'Europarlamento. Devo dire che ho molto apprezzato questo gesto.

Questo, ha sostenuto Conte, ha contribuito alla diffusione di un sentimento di sfiducia nell'UE da parte degli italiani:

Prendiamo l'esempio dell'Olanda, che con il suo dumping fiscale attrae migliaia di multinazionali, che trasferiscono lì la propria sede, ed ottengono un flusso di entrate fiscali massicce, che vengono sottratte ad altri partner dell'Unione: 9 miliardi di euro ogni anno, come riporta un'analisi di Tax Justice Network.

Non è troppo tardi, però, per un intervento massiccio. "L'UE ha bisogno di tutta la sua potenza di fuoco", dice Conte al quotidiano tedesco, e questo può avvenire "attraverso l'emissione di titoli comuni". Quello che stiamo vivendo è il più grande shock della seconda guerra mondiale e "a questo anche l'Europa deve dare una risposta".

L'intervista al premier Conte, anticipata oggi sul sito ufficiale di Sueddeutsche Zeitung, sarà pubblicata domattina in versione integrale anche sull'edizione cartacea del quotidiano.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO