Fase 2, la Calabria sfida il governo e apre bar e ristoranti già da oggi

I clienti però possono stare solo ai tavolini all'aperto.

Calabria Jole Santelli

La Presidente della Regione Calabria Jole Santelli, di Forza Italia, propone un nuovo modello di Fase 2 e la fa partire già da oggi rendendo possibili una serie di attività che invece nel resto d'Italia non sono concesse. Tuttavia la situazione è da monitorare perché il governo potrebbe far partire una diffida in quanto le disposizioni di Santelli non rispettano il DPCM che è ancora valido fino al 3 maggio.

Santelli ieri sera ha comunicato a tutti i suoi conterranei tramite i suoi canali social:

"Ho appena firmato un’ordinanza per la fase 2 di ripartenza. Misure nuove, al pari di altre regioni e alcune uniche sul territorio nazionale; tutte parlano il linguaggio della fiducia. Poiché in queste settimane i calabresi hanno dimostrato senso civico e rispetto delle regole, è giusto che oggi la Regione ponga in loro fiducia. Sapranno dimostrare buon senso nel gestire i nuovi spazi di apertura che la Regione ha deciso di consentire, anche oltre il dettato del Governo"

Santelli ha spiegato che a partire da oggi, 30 aprile, i calabresi possono:
- spostarsi all’interno del proprio Comune o verso altro Comune per lo svolgimento di sport individuali;
- spostarsi per raggiungere le imbarcazioni di proprietà da sottoporre a manutenzione e riparazione, per una sola volta al giorno;
- occuparsi di attività agricole e di conduzione di piccoli allevamenti di animali svolte in forma amatoriale, di stabilimenti balneari, di attività di trasformazione dei prodotti industriali;
- spostarsi per assistere persone non autonome, ivi comprese quelle per le quali occorre prestare assistenza ai sensi della L. n. 104/92 e s.m.i.;

Ma soprattutto Santelli consente lo svolgimento di alcune attività come quelle di bar e ristoranti che abbiano tavolini all'aperto e alcune attività commerciali al dettaglio:
- è consentita la ripresa delle attività di ristoranti, pizzerie, rosticcerie per la preparazione dei relativi prodotti da effettuarsi a mezzo asporto; è consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto;
- è consentita l’attività di commercio di generi alimentari presso i mercati all’aperto, inclusa la vendita ambulante anche fuori dal proprio Comune.

Ovviamente tutte queste attività sono consentite fermo restando il rispetto delle norme anti contagio, ossia la distanza interpersonale di almeno un metro e l'uso di guanti e mascherine.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO