Fase 2 nel Lazio, Zingaretti: "Mascherine anche per incontri all'aperto. Rafforzare lo smart working"

Saranno date delle linee guida per ogni settore. Lunedì ripartono anche i set cinematografici.

Nicola Zingaretti con la mascherina

Il Presidente del Lazio Nicola Zingaretti ha tenuto oggi con il suo vice Daniele Leodori una videoconferenza per spiegare come sarà la Fase 2 nella sua regione. Prima di tutto ha spiegato che ci sarà per tutti l'obbligo della mascherina:

"Sarà previsto in tutti i protocolli l'obbligo della mascherina, anche gli incontri all'aperto dovranno avvenire con la mascherina, un metro di distanza tra le persone dovrà essere sempre mantenuto"

E ha aggiunto:

"L'indicazione di lavare frequentemente le mani rimane e, anzi, la rilanciamo con ancora più forza in vista della Fase 2"

Poi, per quanto riguarda gli ingressi in luoghi chiusi, Zingaretti ha detto:

"Il contingentamento degli ingressi sarà fatto sulla base dei metri quadrati degli esercizi commerciali o pubblici, e bisognerà provvedere alla igienizzazione quotidiana in tutti i locali, così come alla misurazione della temperatura personale"

E ancora ha ribadito cosa è obbligatorio nei luoghi chiusi:

"L'utilizzo di mascherine in ambienti chiusi accessibili al pubblico e/o in cui si viene a contatto ravvicinato con altre persone, l'uso di gel disinfettante e la presenza di distributori, il lavaggio frequente delle mani, la distanza fisica di almeno 1 metro, il divieto di assembramenti, delle possibili barriere idonee nei luoghi di lavoro con spazi limitati, l'igiene e la sanificazione dei locali"

Zingaretti ha poi chiesto di continuare a prediligere la modalità di lavoro in smart working, mentre nei luoghi di lavoro bisogna procedere all'igienizazione almeno quotidiana di tutti i locali e alla misurazione della temperatura all'inizio dell'attività giornaliera per operatori e lavoratori.

Poi il Presidente del Lazio, rispondendo a una domanda sulle polemiche sulla presunta incostituzionalità delle restrizioni, ha spiegato:

"Dobbiamo fare di tutto per sconfiggere il virus, all'interno di una rinascita italiana ed europea. Come organizzare questa rinascita è l'unico dibattito che mi interessa. Ed è l'opposto dei deprimenti litigi e diatribe che, a mio avviso, sono figlie di una visione di corto respiro"

Zingaretti ha anche detto che da oggi fino a venerdì della prossima settimana ci saranno degli incontri con le forze lavoro, gli attori e soggetti produttivi di tutti i settori per arrivare a "un confronto che porti alla piena concordia e consapevolezza dei provvedimenti" e ha spiegato:

"Puntiamo per sabato o domenica prossima, al termine della fase di ascolto, ad approvare e definire un vademecum fondato sulla concertazione per vivere sicuri questa fase in cui sarà molto importante la responsabilità individuale, a partire dal distanziamento fisico"

Durante la videoconferenza è stato anche spiegato che da lunedì i supermercati resteranno aperti fino alle 21:30, inoltre sono state anche anticipate le norme per bar e ristoranti, anche se ancora non potranno aprire: si prevedono misurazione della temperatura dei lavoratori a inizio turno, regole all'ingresso dei locali, segnaletiche orizzontali, indicazione del numero massimo di persone che possono entrare, distanziamento minimo di un metro anche tra i tavoli, stoviglie monouso al balcone o anche riutilizzabili ai tavoli, tavoli igienizzati a ogni utilizzo, presenza di distributori di gel igienizzante per le mani. Inoltre si chiede di prediligere una modalità di lavoro con prenotazione da parte dei clienti. Nel Lazio da lunedì potranno anche riaprire i set cinematografici.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO