Fase 2, la CEI: "Definito il protocollo per la ripresa delle messe"

Il cardinale Gualtiero Bassetti

Nelle stesse ore in cui la Regione Sardegna ha dato il via libera alla celebrazione delle messe, la Conferenza Episcopale Italiana ha annunciato di aver definito un protocollo per la ripresa delle messe in Italia, che dipenderà dell'evoluzione della curva epidemiologica e dalla libertà che sarà concessa ai cittadini dal governo e dal Parlamento nelle prossime settimane.

Ad annunciare la definizione di un protocollo di massima è stato il cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI, che però non ha fornito maggiori dettagli:

Esprimo la soddisfazione mia, dei vescovi e, più in generale, della comunità ecclesiale per essere arrivati a condividere le linee di un accordo, che consentirà, nelle prossime settimane, sulla base dell'evoluzione della curva epidemiologica, di riprendere la celebrazione delle Messe con il popolo.

Bassetti ha voluto ringraziare il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte:

Il mio ringraziamento va al Presidente del Consiglio dei Ministri con cui in queste settimane c’è stata un’interlocuzione continua e proficua. Questo clima ha portato un paio di giorni fa a definire le modalità delle celebrazioni delle Esequie, grazie soprattutto alla disponibilità e alla collaborazione del Ministro dell’Interno e del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione.

È l'Avvenire ad anticipare che, a seconda di come evolverà la situazione in Italia, si potrà riprendere a celebrare le messe a partire dal 24 maggio o, al più tardi, dal 31 maggio 2020.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO