COVID-19, il segretario di Stato USA: "Il virus arriva dal laboratorio di Wuhan"

Il segretario di Stato USA Mike Pompeo sposa la tesi del Presidente Donald Trump e, nel corso di un'intervista concessa all'emittente statunitense ABC, ha ribadito che il coronavirus COVID-19 arriverebbe dal Wuhan Institute of Virology, il laboratorio di virologia della cittadina cinese da cui, effettivamente, si sarebbe iniziato a diffondere il nuovo virus sulla base delle informazioni attualmente note.

Pompeo non sembra avere dubbi:

Ci sono numerose prove sul fatto che il coronavirus arrivi dal laboratorio di virologia di Wuhan. La Cina ha fatto tutto quello che ha potuto per tenere il mondo all'oscuro sul coronavirus.

E, ancora:

Non abbiamo ancora ottenuto l'accesso, il Mondo non ha ancora ottenuto l'accesso, al Wuhan Institute of Virology. Non sappiamo con precisione dove il virus ha avuto origine. Ci sono numerosi laboratori in Cina che lavorano, crediamo, su patogeni contagiosi e non sappiamo se stanno operando ad un livello di sicurezza per prevenire che questo accada di nuovo.

Pompeo non sostiene che il virus sia stato creato dall'uomo, come già smentito a più riprese dalla comunità scientifica, né che sia stato deliberatamente messo in circolo, ma resta convinto che sarebbe proprio il Wuhan Institute of Virology l'origine del COVID-19. Un incidente, ipotizza, o una svista.

Per l'ennesima volta nell'arco di pochi giorni, insomma, gli Stati Uniti puntano il dito contro la Cina e la sua scarsa collaborazione e trasparenza nelle indagini sull'origine del COVID-19. Quali siano queste numerose prove, però, al momento non è dato sapersi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO