Istat: a marzo a picco ordini e fatturato dell'industria

pil quarto trimestre 2019

Fatturato dell’industria italiana a picco a marzo 2020, primo mese di emergenza coronavirus, con il lockdown scattato dopo la prima settimana. L’Istat certifica, con i dati diffusi oggi, il crollo della produzione industriale che al netto dei fattori stagionali, diminuisce del 25,8% su base congiunturale.

Stessa cosa per gli ordinativi all’industria che registrano una forte riduzione sia su febbraio (-26,5%), sia nella media del primo trimestre 2020 rispetto al quarto trimestre 2019 (-9,5%). Su base annua l’indice grezzo degli ordinativi cala del 26,6%, con riduzioni del-29,3% sul mercato interno e del 23,1% su quello estero.

Nella media del primo trimestre 2020 l’indice complessivo del fatturato industriale cala del 6,6% nel confronto con l’ultimo trimestre del 2019. Su base annua, l’indice corretto per gli effetti di calendario mostra una diminuzione del fatturato totale pari al 25,2%, risultato di una flessione del 27,6% sul mercato interno e del 20,7% su quello estero.

Le marcate flessioni degli indici del fatturato a marzo riguardano praticamente tutti i settori: -20,1% per i beni intermedi, -20,8% per i beni di consumo, -32,0% per l’energia e -36,2% per i beni strumentali. Nel manifatturiero è l’industria farmaceutica a registrare la crescita annua maggiore (+9,9%), mentre il comparto dei mezzi di trasporto subisce il calo maggiore (-45,7%).

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO