Telefonata Mattarella-Salvini, il leader della Lega: "A Catania chiedo un giusto processo"

Matteo Salvini lasciamo stare silvia romano

Le agenzie riportano della telefonata cordiale avvenuta oggi tra il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il leader della Lega, senatore Matteo Salvini. A quanto si apprende Salvini ha manifestato al Capo dello Stato tutto il suo stupore per quanto rivelato dal quotidiano La Verità, che ha riferito di messaggi scambiati tra alcuni magistrati contro di lui, al fine di attaccarlo sul dl Sicurezza.

Tra i temi della telefonata tra Salvini e Mattarella, inevitabilmente, la crisi economica causata dall’emergenza coronavirus. Il capo del Carroccio ha poi espresso preoccupazione e amarezza per gli attacchi di alcuni parlamentari della maggioranza nei confronti della Lombardia, regione più colpita dall’epidemia.

Con la telefonata Salvini ha anche annunciato l'invio di una lettera all’inquilino del Quirinale. Missiva in cui si legge: "L’articolo pubblicato sul quotidiano 'La Verità' in data 21 maggio 2020 dal titolo 'La chat delle toghe su Salvini: Anche se ha ragione lui adesso dobbiamo attaccarlo' documenta uno scenario gravissimo: diversi magistrati nei loro colloqui privati (intercettati nell’ambito del procedimento a carico del dottor Luca Palamara) concordavano su come attaccare la mia persona per la politica sull’immigrazione che all’epoca, quale ministro dell’Interno, stavo portando avanti".

Salvini nella lettera spiega che "le intercettazioni pubblicate documentano come l’astio nei miei riguardi travalichi in modo evidente una semplice antipatia. In tal senso è inequivocabile il tenore delle comunicazioni dei magistrati intercettate".

"Come noto - prosegue Salvini - a ottobre inizierà l’udienza preliminare innanzi al Gup presso il Tribunale di Catania ove sono chiamato a rispondere dell’ipotesi di sequestro di persona per fatti compiuti nell’esercizio delle mie funzioni di ministro dell’Interno, in linea con l’azione di governo tesa al contrasto dell’immigrazione clandestina. Non so se i vari interlocutori facciano parte di correnti della magistratura o se abbiamo rapporti con i magistrati che mi giudicheranno, tuttavia è innegabile che la fiducia nei confronti della magistratura adesso vacilla al cospetto delle notizie sugli intendimenti di alcuni importanti magistrati italiani, per quanto emerso e riportato nell’articolo de 'La Verità'".

Il Tribunale dei ministri di Catania contesta all'ex ministro dell'Interno di aver sequestrato 131 migranti a bordo della nave Gregoretti della Guardia costiera. Nel suo ruolo di capo del Viminale Salvini "ha abusato dei suoi poteri" secondo i magistrati.

La conclusione della lettera di Salvini è un appello a Mattarella per un giusto processo: "Mi appello al Suo ruolo istituzionale, quale Presidente della Repubblica e dunque Presidente del Csm, affinché mi venga garantito, come deve essere garantito a tutti i cittadini, il diritto ad un processo giusto, davanti a un giudice terzo e imparziale, nel rispetto dell’articolo 111 della Costituzione".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO