Speranza: "Non è ancora finita, il virus continua a circolare"

speranza virus prudenza

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, predica prudenza nel giorno in cui l’Italia fa un altro passo importante verso le riaperture. Da oggi gli italiani si potranno muovere liberamente da una regione all’altra, ma si spera che tutti siano responsabili nel rispetto del distanziamento, per evitare nuove ondate di coronavirus. "La battaglia non è ancora vinta. Serve prudenza. Il virus è ancora molto pericoloso", dichiara il ministro.

A chi pensa che da oggi sia un liberi tutti, Speranza ricorda i sacrifici fatti nei mesi passati, che non devono essere vanificati con comportamenti “sopra le righe”: "Non è ancora finita - insiste - il virus circola, ma grazie alle cose che abbiamo fatto in queste settimane, grazie ai comportamenti degli italiani e alle misure del governo e delle regioni abbiamo un quadro epidemiologico sicuramente migliore".

Codogno: il 4 giugno riapre il Pronto Soccorso

Domani, giovedì 4 giugno, intanto, riapre il Pronto Soccorso dell’ospedale di Codogno. È chiuso dal 21 febbraio scorso, ovvero da quando è avvenuto il ricovero del "paziente 1", il primo caso di coronavirus in Italia. Tenendo conto delle misure anti-covid, in queste ore si stanno ultimando presso l’ospedale di Codogno le procedure che precedono la riapertura.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO