Istat: Pil e consumi in calo di oltre l’8% nel 2020, ripresa dal 2021

dati istat pil 2020

Il Pil nel 2020 crollerà dell’8,3% in media d’anno secondo la stima diffusa oggi dall’Istat che vede una ripresa parziale della crescita italiana solo nel 2021, con un rialzo del 4,6%. Questo il quadro, a tinte fosche, dipinto nelle "Prospettive" per il biennio 2020-2021 dell’Istituto nazionale di statistica.

L’andamento negativo del Pil è imputabile soprattutto al crollo della domanda interna che al netto delle scorte influirebbe negativamente per il 7,2% mentre domanda estera netta e scorte darebbero sì un contributo negativo ma molto minore, compreso rispettivamente tra -0,3 e -0,8 punti.

Nel report l’Istat spiega che l’epidemia di Covid-19 e il lockdown hanno provocato uno "shock senza precedenti nell’economia" italiana. Con le prime riaperture, dal 4 maggio, ci sono ora segnali di ripresa, un trend che secondo l’Istat dovrebbe rafforzarsi nel secondo semestre dell’anno.

Sempre per il 2020 il calo dei consumi delle famiglie è stimato in un -8,7% mentre gli investimenti crolleranno del 12,5%, contro un aumento dell'1,6% della spesa delle amministrazioni pubbliche.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO