Berlusconi: "Arrivano fondi UE per ricostruzione: serve una nuova fase costituente"

Il leader di Forza Italia parla di un "Piano Nazionale delle Riforme".

Silvio Berlusconi contro Renzi e Salvini

Silvio Berlusconi non ha partecipato alle riunioni dei tre partiti di centrodestra per decidere se partecipare o no agli Stati Generali dell'economia indetti dal Premier Giuseppe Conte, ma al suo posto ha mandato Antonio Tajani e Forza Italia si è ritrovata a sposare la proposta di Giorgia Meloni di non andare a Villa Pamphili, nonostante Berlusconi avesse fatto capire di essere pronto a un confronto con il governo. Intanto, ha rilasciato un'intervista al magazine online dell'Eurispes e ha detto:

"Abbiamo bisogno di un nuovo patto economico e sociale, come auspicato dal governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, tra tutte le componenti della società. Per farlo, occorre evidentemente il contributo di tutti: famiglie, imprese, università, banche, cultura e naturalmente politica di maggioranza e di opposizione"

Berlusconi ha fatto riferimento agli aiuti Ue che arriveranno:

"Dal momento che in Italia arriveranno presto dei fondi europei necessari per la ricostruzione, l’occasione giusta per questa fase costituente potrebbe essere quella della scrittura del Piano Nazionale delle Riforme, ovvero il programma da presentare ai cittadini e all’Unione europea, contenente la lista delle riforme da fare nel prossimo triennio, con le relative tempistiche e i relativi costi"

E ha spiegato:

"Un documento indispensabile, necessario se si vuole dare una programmazione di medio-lungo termine alle opere indispensabili da fare. Essendo un programma a lunga scadenza, deve quindi essere scritto comunemente, con il contributo di tutti, perché deve prescindere dai governi che lo attueranno in futuro"

Berlusconi ha poi parlato della Flat Tax:

"La Flat Tax è una vera e propria rivoluzione fiscale ('pagare meno per pagare tutti'), un’aliquota unica per tutti, famiglie e imprese, progressiva, grazie a una detrazione concessa alla base, per dare più certezze e garantire un sistema fiscale più equo e vicino ai cittadini, per semplificare il sistema fiscale, per ridurre l’evasione e l’elusione"

E anche della pace fiscale:

"Occorre poi istituire una vera e propria 'pace fiscale' per tutti i piccoli contribuenti che si trovano attualmente in condizioni di difficoltà economica e va eliminata l’imposta 'rapina' introdotta dal governo Prodi sulle imprese. Forza Italia in questi giorni ha presentato un primo emendamento al Dl Rilancio per l’abolizione di questa tassa. L’attuale governo saprà come spendere i 170 miliardi stanziati dall’Europa? La risposta è no, dal momento che non ha ancora neppure redatto il Piano Nazionale delle Riforme che avrebbe dovuto accompagnare il Documento di Economia e Finanza di aprile"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO