De Luca: "Stati Generali come il concilio ecumenico. Voto a settembre una cialtroneria"

Il governatore della Campania vorrebbe le elezioni regionali a luglio.

Vincenzo De Luca - Campania - Giugno 2020

Nella sua consueta diretta Facebook del venerdì il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha aspramente criticato il governo Conte 2 per due motivi: per la convocazione degli Stati Generali dell'Economia che dureranno dieci giorni e per aver deciso di unire le elezioni regionali e le votazioni sul referendum sul taglio dei parlamentari il 20 settembre.

Sul primo punto, con un po' di ironia, De Luca ha detto:

"Preparano gli Stati Generali sull'Economica e, da quello che leggo, dureranno dieci giorni. Se qualcuno aveva dubbi sulla decisione di sburocratizzare credo che la decisione di un confronto della durata di dieci giorni tolga ogni dubbio. Siamo pienamente nella società digitale: dieci giorni dura un concilio ecumenico. Avremo motivo di grande consolazione dopo questa sorta di concilino di Nicea da cui riceveremo tante certezze e tanta semplificazione"

Sul secondo punto, invece, quello relativo alle elezioni, che gli sta molto più a cuore, De Luca ha affermato:

"Hanno paura di andare a votare, è uno scandalo, non ci sono parole sul livello di irresponsabilità e cialtroneria del mondo politico. Si aprono le palestre, i campi di calcio, i mercati, le discoteche ma l'unica cosa che si potrebbe fare in piena tranquillità, e cioè l'esercizio del voto, non lo consentono. Le forze politiche hanno paura e il governo non dice nulla. M5S vuole menarla per le lunghe, la Lega, e FdI sono contrari e così andremo a votare a settembre. Hanno deciso di calpestare il mondo della scuola, si apre e poi si richiude per le elezioni, le forze politiche se ne infischiano del mondo della scuola"

E secondo De Luca il governo così calpesta non solo il mondo della scuola e le famiglie, ma anche gli elettori, perché "accorpando tre elezioni, ci si ritroverà cinque schede nelle mani:

"È una vergogna, in Italia dopo l'emergenza è tornata l'ammuina, il fare finta, il burocratismo e la politica politicante priva di dignità"

Sulla sua Campania, De Luca ha detto:

"Oggi la Campania ha l'indice di contagiosità che è il più basso di Italia, abbiamo l'indice di mortalità più basso d'Italia. La situazione è sotto controllo e ci consente di fare delle aperture anche molto ampie. Ci stiamo preparando ad una campagna di vaccinazione di massa. Mentre in altre regioni si brindava in piazza, noi dichiaravamo le zone rosse. È un motivo di soddisfazione in più per noi, noi non abbiamo aperto una dibattito sull'apertura delle zone rosse noi abbiamo deciso sulle zone rosse, anche per questo la Campania si è salvata, oltre al fatto di aver anticipato di 15 giorni le decisioni del Governo"

Sui prossimi passi da fare ha spiegato:

"Credo che da lunedì 22 giugno renderemo facoltativo l'uso della mascherina. Resterà obbligatorio nei luoghi chiusi, privi di aerazione e dove ci sono assembramenti. Sia chiaro, è sempre bene indossarla, è un motivo di ragionevole prudenza, e va sempre portata dietro nel caso all'esterno si creino situazioni di assembramento"

E ha anche detto di essere all'opera su un'ordinanza che consentirà l'apertura di locali come sale bingo, sale scommesse, discoteche (solo per attività di ristorazione, intrattenimento e bar, non per il ballo) e pure per le attività di spettacolo all'aperto con anche più di mille spettatori:

"La norma nazionale prevede solo 200 spettatori, per noi è una cosa irrazionale. L'ordinanza che sta preparando la task force avrà una articolazione del numero di presenze da consentire per gli spettacoli"

De Luca oggi è andato a salutare il Napoli al San Paolo per fargli gli auguri per la ripresa della stagione.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO